Caro Dell’Anno, questa serata è la tua vittoria

Caro Dell’Anno, questa serata è la tua vittoria

La festa deve ancora finire. E’ proprio così. Ma se una parola è poco e due, come si dice, sono troppe, mi sento di dirti una sola cosa a nome di tutti gli irpini. “Caro Mario Dell’Anno, questa è la tua vittoria”. La vittoria di chi, da quella battuta all’asta del logo, ti ha tolto molto. E non solo dalla tasca… Ti ha tolto la tranquillità di dover portare sulle spalle un fardello troppo pesante. Ti ha tolto la credibilità di chi, da fuori, ti vedeva come uno che voleva solo speculare. Ti ha tolto il sorriso. Sono passati anni e alla fine, questa serata di ripaga. Dalle malelingue, dagli speculatori, dagli scienziati del pallone, dai maghi della finanza. Alla fine, quello che conta è che il tuo sogno si sia avverato. Ridare il lupo alla tua gente. Rivederlo sulla maglia della tua, della nostra, squadra del cuore. L’Associazione per la storia ha riportato il sorriso sulla bocca della gente. Ed è questo, quello che conta per davvero. Senza fare chiacchiere, il vecchio lupo è tornato. E fa di nuovo paura. Ed è più forte di tutti. E non ha valore. Caro Mario, goditi questa vittoria con la tua gente. Goditi la vittoria con chi ti è sempre stato vicino. Goditi la vittoria con chi ci ha sempre creduto e non l’ha mai abbandonata. Caro Mario, goditela. E sorridi. Il “tuo” vecchio Avellino è di nuovo tornato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy