Caronte è arrivato: la febbre Avellino ha raggiunto i 40°

Caronte è arrivato: la febbre Avellino ha raggiunto i 40°

Ieri sera al Campo Coni di Avellino sembrava un girone dantesco  in linea con l’arrivo di Caronte il traghettatore del sommo. Non si sa se sia il presidente o l’allenatore se non il messia Tavano. Al cospetto di oltre 5000 mila persone, da tempo immemore così tanti al raduno dei lupi, si è svolta una kermesse che ha avuto risonanza nazionale e che in un sol colpo ha riportato entusiasmo in città e in provincia se ancora ce ne fosse bisogno. Certo i segnali dagli abbonamenti non lasciavano sensazioni positive poi l’escalation di mercato il  “colpo” Tavano e gli arrivi di altri calciatori hanno acceso i fuochi fatui. Ci si chiedeva chi arriva adesso quale sarà il prossimo colpo, qualcuno ha ipotizzato l’arrivo di Ibrahimovic, la temperatura fa brutti scherzi, la febbre Avellino ha già raggiunto i 40. Il traghettatore si sarà chiesto se fosse stata possibile l impresa, la risposta sempre la stessa caron non ti crucciare vuolsi così cola dove si puote ciò che si vuole. Il colonnello consiglia una piccola vacanza meditativa in quel di castagneto di Sturno. Un piccolo paradiso.

Antonio Colella

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy