Dal 2009 per lui è quasi sempre così…

Dal 2009 per lui è quasi sempre così…

Corsa, cuore e grinta. Angelo D’Angelo vuole una maglia da titolare per far sognare i tifosi…

Di sicuro quello di ieri non è stato il migliore Avellino della stagione, ma non importa. Tutti volevano altro, tornare a vincere e a mordere. Le belle giocate le lasciamo agli altri, le guardiamo in televisione. A noi piace vincere e lottare, sempre e contro tutti. Sul prato del Partenio-Lombardi si è vista tanta confusione ma anche tanta determinazione. Un Livorno ostico ha tentato di fermare, ancora per una volta, la squadra di Tesser che grazie alla nona rete di Mokulu è riuscita a tornare alla vittoria. Poche luci hanno dunque brillato ieri per l’Avellino. Ma una più di tutte. A volte una prestazione può valere più di un gol e dal 2009 per lui è quasi sempre così. Angelo D’Angelo è finalmente tornato in campo ed ha dimostrato di valere un posto da titolare, ha dimostrato di essere da Avellino. Trenta anni e non sentirli. Corsa, cuore e grinta. Si, quella che tutti vogliamo vedere dai nostri calciatori, quella che non dovrebbe mai mancare a chi indossa il bianco e il verde, a chi difende il nome di Avellino. Lo sa bene e ieri si è visto. Molti dovrebbero prendere esempio da lui, per vincere le partite ci vuole anche grinta, quella che ha avuto il nostro capitano per 90 minuti. Grazie lupo!

#8

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy