Dopo Togni, ecco Schiavon: un altro separato in casa Avellino

Dopo Togni, ecco Schiavon: un altro separato in casa Avellino

Commenta per primo!

Niente da fare. Nemmeno i tanti infortuni in mediana (Bastien, D’Angelo e Gavazzi ko) hanno fatto cambiare idea a società, tecnico e calciatore. Schiavon resta a casa anche stasera. Non convocato, per una “botta alla caviglia” diplomatica, come confermato dallo stesso Tesser nella conferenza stampa pre-gara. Eppure Eros Schiavon, tra i migliori mediani della serie B al primo anno da lupo in serie B, poteva essere e tornare utile alla causa in questa stagione. Per lui, pesa come un macigno, un contratto in scadenza non rinnovato in estate. Proprio come Togni. Vivrà da separato in casa in attesa di arrivare lentamente alla prossima estate e liberarsi. A meno che a gennaio arrivi una chiamata che il calciatore riterrà interessante. Già in chiusura di calciomercato l’Avellino aveva provato a liberarsene ricevendo un no secco dal calciatore alle offerte che arrivavano timidamente dalla Lega Pro. Eppure Schiavon avrebbe potuto essere utile alla causa se la situazione fosse stata gestita diversamente. All’infortunio ci credono in pochi. Il calciatore, sabato scorso, con l’Avellino impegnato a Cagliari, ha passeggiato comodamente per il corso di Avellino senza lasciare intravedere nessun infortunio. Nessuna botta alla caviglia o qualsivoglia infortunio muscolare dell’ultima ora. Peccato, perchè l’Avellino perde una pedina importante in un momento di profonda sfortuna con tutti i centrocampisti ko per infortunio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy