Grand’Hotel Avellino: in 14 hanno già detto addio

Grand’Hotel Avellino: in 14 hanno già detto addio

Rivoluzione. La parola d’ordine è stata rivoluzione. Nessuna continuità con il passato. L’ombra di Rastelli ancora aleggia sul Partenio-Lombardi. E quindi a Tesser la responsabilità di partire con un gruppo nuovo. Da zero, in pratica. Un vantaggio? Chissà. Sicuramente no. Perchè se Rastelli aveva costruito le basi del progetto su un gruppo che ormai si conosceva a memoria, adesso l’ex tecnico della Ternana dovrà ripartire da zero. Rivoluzione che ha portato, per ora, 14 calciatori della passata stagione ad andare via. Resteranno solo in 6, altri 4 sono in forte dubbio (saranno venduti al 100%). Dei rientranti dai prestiti (investimenti della scorsa estate) non ci sarà posto per nessuno. Il mercato entra nel vivo. Cinque gli acquisti ufficiali: i portieri Offredi (dall’Albinoleffe in Lega Pro e Bianco dalla serie D), i difensori Rea (dal neoretrocesso Varese), Milan Nitriansky (svincolato dal Pribram)  e Davide Biraschi (svincolato dal Grosseto in LegaPro).

Abbiamo provato a fare un’analisi del Grand Hotel Avellino. Per ora tanti addii, poche conferme, qualche dubbio e tante speranze. Speranza di poter infiammare il mercato in una nuova gestione senza soluzione di continuità con il passato.

CHI E’ PARTITO

Alfred Gomis (Portiere) – Era in prestito secco dal Torino. Si è messo in evidenza giocando titolari per trequarti del torneo. Poi ha ceduto il posto a Frattali

Andrea Bavena (Portiere) – Una sola presenza. Ingaggiato come terzo portiere. Tale è rimasto. Contratto in scadenza non rinnovato

Rodrigo Ely (Difensore) – In prestito dal Milan. Grande talento è tornato a casa madre. Prima scelta di Mihajlovic. Andrà in ritiro con la prima squadra e al 100% resterà aggregato per giocarsi un posto da titolare.

Jherson Vergara (Difensore) – Pure lui scuola Milan. Torna ai rossoneri. Condizionato dal grave infortunio, verrà girato dalla società rossonera di nuovo in serie B. Ma non ad Avellino.

Marco Chiosa (Difensore) – In prestito dal Torino. L’Avellino spinge per rinnovarlo. Ma le possibilità sono basse. Andrà in ritiro coi granata. Per ora. Aspettando di convincere Cairo a farlo maturare ancora in Irpinia in una piazza che conosce già molto bene.

Alessandro Fabbro (Difensore) – In scadenza di contratto. Non è stato rinnovato.

Luca Bittante (Difensore) – La Fiorentina non è andata alle buste ed ha riscattato la comproprietà proprio oggi. Si chiude qui la sua esperienza in biancoverde.

Alberto Almici (Difensore) . Arrivato a gennaio alla lunga ha mostrato i suoi valori diventando uno dei pupilli di Rastelli. Grande professionista. Torna all’Atalanta. Destinazione Cagliari? Vedremo

Moussa Konè (Centrocampista) – Torna all’Atalanta per fine prestito. Lo cerca il Cesena. Una stagione in chiaroscuro per lui. Epico il gol dell’illusione a Bologna nella semifinale play-off.

Paolo Regoli (Centrocampista) – Il Pontedera non rinnoverà il prestito. Rastelli lo ha utilizzato col contagocce. Di certo non ha entusiasmato.

Alessandro Sbaffo (Centrocampista) – Arrivato a gennaio. Buone prestazioni, altre meno buone. Torna al Chievo dal prestito.

Attila Filkor (Centrocampista) – Poche presenze. Torna al Milan pure lui per essere girato altrove.

Arnor Angeli (Centrocampista) – Un contratto in scadenza senza rinnovo.

Gianmario Comi (Attaccante) – Grande talento, grande uomo, grande calciatore. Meritava uno sforzo per la riconferma. Ed invece l’Avellino lo ha lasciato andare senza opporre la minima resistenza. Peccato.

CHI RESTA 

Pierluigi Frattali (Portiere) – Si è guadagnato i gradi di primo dopo il finale di stagione. Qualche errore di troppo commesso anche nelle gare play-off. Ma merita la fiducia. Quest’anno va in scadenza di contratto.

Pietro Visconti (Difensore) – Una spalla che non gli ha dato tregua. Ha altri due anni di contratto. Riconfermato. Dovrà convincere Tesser.

Angelo D’Angelo (Centrocampista) – Ha giurato amore eterno ed è già pronto il rinnovo del contratto in scadenza nel 2016.

Benjamin Mokulu (Attaccante) – Ha un altro anno di contratto. Su di lui la società ripone grande fiducia. Nemmeno un gol nella stagione scorsa. Da valutare in ritiro e da valutare, come dicono, con una preparazione adeguata

Gigi Castaldo (Attaccante) – Ha un contratto che scade nel 2016 e una squalifica di almeno 3 mesi che sta per arrivare. Si lavora al rinnovo

Mohamed Soumarè (attaccante) – Croce e delizia per Rastelli. Ha talento ma ancora lo deve tirar fuori. Sarà questa la stagione della consacrazione?

Antonio Zito (Difensore) – Due anni di contratto ancora. Una stagione tra alti e bassi. Cerca il riscatto.

IN DUBBIO

Fabio Pisacane (Difensore) – Ha manifestato l’intenzione di andare via. Andrà al Chievo per essere girato al Cagliari? Di sicuro non resta. La società pronta a monetizzare il più possibile.

Mariano Arini (centrocampista) – Un contratto in scadenza. Inserito nella trattativa di Rastelli al Cagliari ha detto no. Ma ha un contratto che gli scade nel prossimo giugno. Potrebbe accettare un trasferimento in altra squadra.

Eros Schiavon (centrocampista) – Radio mercato lo dà prossimo al si al Cittadella, vicino casa. Non resterà.

Marcello Trotta (Attaccante) – Lo cercano in serie A. L’Avellino non lo vende per meno di 2,5 milioni di euro. Fiorentina, Lazio o Chievo in pole. Non resterà in biancoverde.

RIENTRANO DAI PRESTITI MA NON RESTERANNO

Romulo Togni (Centrocampista) – Scadenza contratto giugno 2016. Rientrerà dal prestito dalla Spal. Vicino accordo per la rescissione del contratto.

Demiro Pozzebon (Attaccante) – Altri due anni di contratto ma il futuro è altrove. Ha tante richieste in Lega Pro.

Andrea Arrighini (Attaccante) – Pure per lui altri due anni di contratto firmati troppo frettolosamente nella scorsa estate. Di ritorno dal Pisa, sarà girato altrove.

Simone Petriccuolo (Difensore) – Annunciato come una bella promessa, non ha trovato spazio nemmeno in Lega Pro dove l’Avellino lo aveva ceduto. Sarà trovata un’altra sistemazione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy