Jidayi: “Pronto a giocare anche in porta, l’importante è dare sempre il massimo”

Jidayi: “Pronto a giocare anche in porta, l’importante è dare sempre il massimo”

Definito durante il girone di andata “l’uomo in più” di Tesser che anche grazie all’intuizione del tecnico di Montebelluna è riuscito a dare una stabilità alla retroguardia biancoverde: William Jidayi parla del momento dei lupi: “Sarà importante la prestazione della squadra, ora arrivano tre partite ravvicinate importanti e il primo obiettivo è quello di fare punti importanti per raggiungere la salvezza. Quando arriverà vedremo il resto.

Poi Jidayi parla del suo nuovo ruolo acquisito nei momenti di difficoltà della difesa: “La responsabilità per poter crescere è la cosa fondamentale e le responsabilità che mi ha dato il mister mi mettono alla prova. Sono contento di dare una mano alla squadra e dare più possibilità di scelta al mister. La miglior cosa è far nascere all’interno del gruppo una sana competizione che possa dare quel qualcosa in più a tutti”.

La vittoria manca dal match contro la Salernitana ma Jidayi precisa che: “A Novara siamo inciampati ma bisogna mantenere un certo equilibrio. Eravamo abituati alle vittorie di fila ma credo che il girone di ritorno sia sempre un po’ più difficile. Speriamo di tornare presto alla vittoria e lavoriamo esclusivamente per questo”.

Il calciatore biancoverde si sofferma anche sulle ultime partite dei lupi: “C’è sempre da lavorare per migliorare le cose, ultimamente abbiamo preso molti gol ma ripartiamo dal match di sabato dove siamo stati molto concreti nella fase difensiva e speriamo di trovare anche il gol. Per quanto riguarda me mi sento un giocatore a piena disposizione del mister. Giocherei ovunque, anche in porta, pur di poter dare il massimo e essere utile alla squadra e non trovo differenza tra difesa e centrocampo. Il mio doppio impiego lo giudico una cosa positiva perchè significa che il mister ha fiducia in me”.

Jidayi puntualizza anche sugli obiettivi della squadra: “Dobbiamo avere un profilo umile perchè la serie B è un campionato strano. Nel passato ci sono state squadre che giravano a mille e poi si sono ritrovate a fare i play-out. Questo non significa che ci vogliamo accontentare ma giocare con attenzione e partita dopo partita è la cosa giusta da fare a mio avviso”.

Una battuta anche su Ciccio Tavano: “Tavano non si discute dal punto di vista dei numeri ma soprattutto sotto il punto di vista della professionalità. A mio avviso è questione anche di sfortuna ma per noi è solo un giocatore da ammirare e da trarre lezioni. Un grande professionista e sono convinto che presto tornerà a deliziare tutti con i suoi numeri”.

Jidayi conclude la sua conferenza con un ringraziamento ai tifosi: “Ho visto a Modena una curva che non mi è mai capitato di vedere. Cosi lontani e sembrava essere in casa. Anche a Vicenza abbiamo ricevuto applausi e il nostro desiderio è quello di regalare gioie a questa gente. Speriamo di farlo già sabato”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy