L’Avellino in marcia verso il Vicenza: tra conferme, dubbi e consapevolezze

L’Avellino in marcia verso il Vicenza: tra conferme, dubbi e consapevolezze

Volli, e volli sempre, e fortissamente volli” parafrasando Vittorio Alfieri questo deve essere il leitmotiv dell’Avellino. I tre ko, in trasferta, rimediati dalla truppa di Attilio Tesser bruciano. Era dal 2008 che l’Avellino non partiva così male in campionato. Il finale, però, è meglio non raccontarlo. Sabato si torna in campo, arriva il Vicenza, per il sesto turno ci campionato. I lupi non vorranno mancare l’appuntamento con i tre punti. Si ripartirà dal “fattore casa”. Gli uomini di Tesser dovranno fare affidamento sul “Partenio-Lombardi”. L’impianto di Via Zoccolari dovrà essere un fortino sulla quale ergere la salvezza. Almeno per ora è l’unico obiettivo da centrare. Nonostante, il diggì Massimiliano Taccone, ieri in conferenza ha espresso la propria fiducia in Tesser. La pazienza non è mai infinita. Non stiamo mettendo in dubbio la professionalità del tecnico di Montebelluna. Assolutamente. Probabilmente, però, a Tavano e soci manca il giusto cinismo sotto porta. E’ pur vero che la nostalgia di uno come Gigi Castaldo si sente. E come se non si sente. Strano a dirlo nella passata stagione, il bomber di Giugliano, nelle prime tre gare realizzò tre gol. Due vittorie ed una sconfitta. Ma crearsi l’alibi perfetto non ci sta. Taccone Jr. ha sottolineato che le attenuanti sono per le perdenti. E allora riavvolgiamo il nastro e ricominciamo da zero. Sabato arriva il Vicenza. La squadra di Pasquale Marino giungerà in Irpinia con i cerotti. Ma è pur vero che le lanerosse non hanno mai perso in questo campionato. E’ il momento di sfatare un nuovo tabù. Stavolta concretamente. Ci sarà da sudare, da lottare ma soprattutto da supportare.

BOZZA. Attilio Tesser per la sfida contro il Vicenza potrà contare sul rientro di Angelo D’Angelo. Il capitano dei lupi si è lasciato alle spalle i problemi che non gli hanno permesso di giocare le ultime tre gare. Il suo schieramento, dal primo minuto, sembra quasi improbabile. Ma mai dire mai. Il tecnico di Montebelluna, potrebbe, confermare la formazione vista a Bari con qualche modifica. E’ piaciuto la fase propositiva di Maxime Giron. Il terzino ex Chieti, alla sua prima da titolare, ha dato fluidità alla manovra. Si candita, quindi, ad una maglia da titolare contro i veneti. Stesso discorso, o quasi, per Constantin Nica. Buona la prima anche per Marco Chiosa. Discorso mediana. Mariano Arini è irremovibile. Il mediano partenopeo, nel post gara di Bari, ha collezionato il recordmen di 37 passaggi riusciti. Jidayi, invece, si candida per una casacca da titolare. Tesser, potrebbe, scegliere di far rifiatare Zito. In avanti il trio sembra essere confermato. Insigne, Trotta e Tavano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy