Livorno-Avellino, è un pareggio di “sangue” al Picchi. A Trotta risponde Comi

Livorno-Avellino, è un pareggio di “sangue” al Picchi. A Trotta risponde Comi

Commenta per primo!

Livorno (4-3-3): Pinsoglio; Moscati, Ceccherini, Lambrughi, Gasbarro; Biagianti, Schiavone, Luci (4o’stKukoc) ; Pasquato, Comi (43’st Bunino), Aramu (4o’st Jelenic). A disp.: Ricci, Gonnelli, Morelli, Vergara, Kukoc, Cazzola, Jelenic, Palazzi, Bunino. All.: Panucci.

Avellino (4-3-1-2): Frattali; Rea, Biraschi, Ligi, Visconti; D’Angelo, Jidayi, Arini; Insigne (46’pt Soumarè, 9′ st Nitriansky); Trotta, Tavano (3o’st Giron). A disp.: Offredi, Chiosa, Nitriansky, Giron, Bastien, Zito, Soumarè, Mokulu, Napol. All.: Tesser.

Arbitro: Daniele Minelli della sezione di Varese.

Guardalinee: Marco Citro della sezione di Battipaglia e Riccardo Di Fiore della sezione di Aosta.

Reti: 21’pt Trotta (Av). 9’st Comi (Lv)

Ammoniti: 37′ pt. Biraschi (A), 44′ pt. Insigne (A), 7′ st. Frattali (A), 14′ st. Rea (A), 35′ st. Ceccherini (L), 48′ st. Kukoc (L), 51′ st. Visconti (A)

Espulsi: 7′ st. Biraschi per doppia ammonizione (A), 33′ st. Moscati (L)

Note: Corner: 4-2. Recupero: 2′ pt; 6′ st.

PRIMO TEMPO. Tesser conferma le previsioni della vigilia. Largo al 4-3-1-2. L’unica novità è l’inserimento di Biraschi nel ruolo di terzino dentro. Conferma anche per Panucci che si affida ad un 4-3-3 per sopperire alle molteplici assenze. Al 2′ sono i lupi a rendersi pericolosi. Jidayi imbecca Tavano, bravo Ceccherini a chiudere lo specchio della porta. La risposta dei padroni di casa parte è tutta nei piedi di Moscati che, cerca spesso, di imbeccare gli attaccanti in avanti. Al 19′, il Livorno, sfiora il gol. Schiavone dalla destra, la sfera finisce, ad Aramu che di testa manda al lato. I lupi mettono le zanne in avanti trovando il gol del vantaggio. Tavano sfonda dalla destra, al 21′, disegnando l’assist per Trotta, quest’ultimo apre il piattone ed insacca alle spalle di Pinsoglio.  La reazione dei padroni di casa arriva al 28′ con Pasquato. L’ex Juventus prova la conclusione dalla distanza di sinistro, la sfera è facile preda di Frattali. I toscani ci riprovano al 32′. Punizione, dai 23 metri, Aramu prova la traiettoria in porta ma la sfera termina a lato. Il primo giallo della gara è di marca biancoverde. Minelli sventaglia il cartellino in faccia Biraschi per qualche parola di troppo nei confronti di Pasqualto. Al 38′, il Livorno, ci riprova. Si invola Gasbarro sulla fascia destra, assist al bacio per Comi che prova la conclusione a rete con una voleè di sinitro, Frattali si oppone. Al 43′ del primo tempo secondo giallo per i lupi. Insigne sgambetta Aramu, Minelli lo ammonisce. Ad avere la peggio è l’ex Napoli che è costretto a lasciare il campo per fare posto a Soumarè.

SECONDO TEMPO. L’unica novità della ripresa è rappresentata da Soumarè al posto di Insigne uscito malconcio dopo l’intervento scomposto su Comi. Comincia in salita male il secondo tempo per l’Avellino. Prima ci prova Biraschi dalla distanza, pallone alto. Al 7′ episodio dubbio in piena area di rigore biancoverde. Biraschi viene espulso per un sospetto tocco di mano in piena area, Minelli, concede il rigore. Dagli undici metri va Comi che spiazza Frattali. Risultato di nuovo in parità. Tesser corre ai ripari fuori Soumarè, dopo appena dieci minuti dal suo ingresso, dentro Nitriansky. Avellino in campo con il 4-3-2. Il pareggio è arrivato su una sbavatura del Sign.Minelli, i replay, hanno poi evidenziato come Biraschi avesse intercettato la sfera con il petto. Al 19′, della ripresa, episodio dubbio in area. Spallata di Visconti nei confronti di Pasqualto, Minelli, lascia correre. Ad occhio sembrava rigore netto a differenza di quello concesso in precedenza. Al 26′ ci prova ancora Pasquato. Botta di sinistro, dell’ex Juventus, Frattali ci mette i guantoni. L’azione convulsa vede Schiavone precipitarsi in piena area di rigore, ma è offside. Alla mezz’ora ultimo cambio per i lupi. Dentro Giron al posto di Tavano. Quest’ultimo bersagliato dai fischi del pubblico di casa. Lupi più coperti con il 4-4-1 nel quale Trotta funge da riferimento avanzato. Al 31′ parità numerica ristabilita. Espulso Moscati, del Livorno, per proteste. Al 39′ brivido per i lupi. E’ ancora Pasquato a rendersi pericoloso. Nel cuore dell’area biancoverde prova la conclusione cercando il palo vicino. La sfera termina di un soffio al lato. Al 45+2 l’Avellino prova a piazza il colpo del ko con il cuore. Jidayi. Break al limite del centrocampista ex Juve Stabia che entra di forza in area e scarica il destro sull’esterno della rete all’altezza del palo vicino. Dopo sei minuti di recupera termina il match del “Picchi”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy