Partite comprate a Catania: spunta la gara di ritorno con l’Avellino

Partite comprate a Catania: spunta la gara di ritorno con l’Avellino

E’ scoppiato un vero terremoto. Si è tenuta stamattina la conferenza stampa della Procura Distrettuale di Catania ha mostrato i dettagli sul bliz “I treni del gol”. Tra le tante partite sotto indagine ci è finita anche Catania-Avellino del 29 marzo 2015 al Massimino e vinto tra le polemiche dagli etnei con il risultato di 1-0, grazie, ad un rigore “generoso” e trasformato da Calaiò. “Almeno cinque partite, forse sei sono state truccate con somme di denaro versate a giocatori” queste le parole del procuratore di Catania Giovanni Salvi durante la conferenza stampa nella quale è stata illustrata l’operazione. Le partite sotto inchieste sono Varese-Catania (0-3), Catania-Trapani (4-1), Latina-Catania (1-2), Catania-Ternana (2-0) e Catania-Livorno (1-1). Si lavora anche, hanno specificato gli inquirenti durante la conferenza stampa, su Catania-Avellino (1-0)”. Inoltre sono stati notificati un avviso di garanzia il presidente del Messina, Pietro Lo Monaco, il direttore sportivo del Messina, Fabrizio Ferrigno, l’amministratore del Messina, Alessandro Failla. I calciatori: Alessandro Bernardini del Livorno, Riccardo Fiamozzi del Varese, Luca Pagliarulo e Antonino Daì del Trapani e Matteo Bruscagin del Latina.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy