Primavera: “Sono il sindaco di Lacedonia”. Vito show e due giornate di squalifica del campo

Primavera: “Sono il sindaco di Lacedonia”. Vito show e due giornate di squalifica del campo

Commenta per primo!

La scena è da oggi le comiche. Accade anche questo durante Avellino-Bari, gara valevole per il campionato di Primavera, seconda giornata. Alla fine i lupacchiotti perdono 2-1 ma il Giudice Sportivo è inflessibile. Il responsabile del settore giovanile Enzo Vito si spaccia per il sindaco di Lacedonia, protesta contro l’arbitro, viene espulso e riconosciuto. L’Avellino perde sul campo e il Giudice Sportivo è inflessibile: due giornate di squalifica del campo.

Vi riportiamo fedelmente il comunicato del Giudice Sportivo che non dà alito a dubbi.

Gara Soc. Avellino – Soc. Bari

Il Giudice Sportivo,

premesso che:

dall’esame del referto arbitrale è emerso che:

– al 20° del primo tempo, l’Arbitro, su segnalazione di un Assistente, provvedeva ad allontanare dallo spazio antistante gli spogliatoi un collaboratore della società Avellino, non inserito nella distinta di gara, che, oltre a dare disposizioni tecniche ai calciatori irpini, scherniva quelli della squadra avversaria e, mentre raggiungeva gli spalti, rivolgeva anche epiteti insultanti agli Ufficiali di gara;

– alla fine del primo tempo il soggetto in questione, nonostante fosse stato precedentemente allontanato, stazionava nuovamente nella zona dagli spogliatoi tanto che l’Arbitro era costretto ad esortare i dirigenti locali ad allontanarlo;

– al 15° del secondo tempo, il medesimo collaboratore, si riposizionava nello spazio antistante gli spogliatoi continuando ad insultare sia i calciatori della squadra avversaria sia gli Ufficiali di gara. L’Arbitro tramite il capitano della società Avellino gli intimava nuovamente di abbandonare tale zona;

al termine della gara lo stesso soggetto si recava nuovamente negli spogliatoi affrontando con fare aggressivo un Assistente, arrivando perfino al contatto petto contro petto per ostruirgli il passaggio, gridandogli da distanza molto ravvicinata insulti e minacce oltre a millantare una carica pubblica (sindaco di Lacedonia) che non ricopriva, senza che nessun dirigente biancoverde, vista la mancata presenza della Forza Pubblica, intervenisse per farlo desistere da tale censurabile comportamento; – successivamente, dopo che la situazione era tornata alla normalità, si presentava nello spogliatoio degli Ufficiali di gara il dott. Mario Rizzi, sindaco di Lacedonia comune in cui è sito il centro sportivo che ospita le gare interne della squadra “Primavera” della società Avellino, che riconosceva nel sig. Enzo Vito il collaboratore reo dei comportamenti sopra esposti.

Considerato che, del comportamento violento, aggressivo, ingiurioso, minaccioso e intimidatorio del proprio collaboratore, la società Avellino è oggettivamente responsabile ex art. 4 in relazione all’art. 1bis CGS, e che la stessa società non poneva in essere alcuna attività volta ad evitare ed a far cessare tale atteggiamento, ne conseguono gli effetti sanzionatori che questo Giudice ritiene equo quantificare. ex art. 18 n.1 lettera f) nei termini di cui al dispositivo.

PQM

delibera di sanzionare la Soc. Avellino con la squalifica del campo per due giornate effettive di gara.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy