Serie B: Cagliari in vetta, le inseguitrici frenano

Serie B: Cagliari in vetta, le inseguitrici frenano

Commenta per primo!

Il Cagliari non si lascia sfuggire l’occasione di conquistare tre punti davanti al proprio pubblico contro il Modena e, complice il ko del Cesena a Latina, balza da solo in vetta alla classifica. Joao Pedro il protagonista della giornata, avendo preso sulle spalle la squadra ed averla condotta per mano al successo. Il brasiliano è l’autore della doppietta con cui la squadra di Rastelli riesce ad avere la meglio sulla formazione di Crespo, che pure aveva pareggiato con Stanco dopo la prima rete del fantasista sardo. Inizia benissimo l’avventura di Mario Somma (subentrato da pochi giorni all’esonerato Iuliano) sulla panchina del Latina: una rete di Corvia appena entrato stende il Cesena, alla terza sconfitta stagionale. Colpisce, al di là della vittoria, lo spirito dei pontini, trascinati da un Acosty a tratti incontenibile. Sconfitta casalinga per il Pescara contro la Ternana, la prima per Oddo da quando allena. Ospiti in vantaggio con Falletti, pareggio per la squadra di Oddo con Caprari grazie ad una punizione a due in area, al 35′ Fornasier si fa espellere lasciando in dieci gli abruzzesi. Nella ripresa meglio il Pescara, poi il rosso a Zanon riequilibra gli uomini in campo ma la Ternana approfitta di un errore e con Dugandzic segna nel finale la rete che vale tre punti per Breda. “Abbiamo regalato i primi 10′, giocando con frenesia e ansia, poi abbiamo fatto la gara nel secondo tempo ma un’ingenuità colossale nel finale ci è costata il gol” l’amaro commento di Oddo. Il Livorno va a corrente alternata e finisce ko anche a Vercelli con la formazione di Foscarini che usufruisce del terzo autogol stagionale: questa volta grazie a Maicon. “Oggi sono molto deluso, ho visto una squadra molle. E’ il secondo gol che subiamo su rimessa laterale, se vogliamo stare in alto dobbiamo crescere velocemente” lo sfogo di Panucci. Niente da fare per il Brescia a Novara. Le rondinelle interrompono le lunga serie positiva cadendo sotto i colpi di Evacuo, tornato protagonista e trascinatore della squadra di Baroni. Sue le prime due reti del match (una su rigore), poi Troest e Galabinov arrotondano per il 4-0 finale permettendo ai piemontesi di risalire ancora di più e inserirsi tra le grandi. Non parte bene l’avventura di Devis Mangia sulla panchina dell’Ascoli. I bianconeri ne prendono tre a Vicenza, ma soprattutto non entrano mai in partita. Cinelli e Raicevic sferrano due ganci ai marchigiani in avvio di match, nella ripresa Vita su rigore arrotonda. Va un pò meglio per Gianluca Festa sulla panchina del Como che grazie ad una doppietta di Ganz va vicino all’exploit sul campo dell’Entella. I liguri impattano due volte prima con Caputo e poi con Pellizzier. Infine, torna alla vittoria il Trapani dopo un periodo “buio”. La squadra di Cosmi domina lo Spezia (5-1), dimostrando di poter competere con le formazioni di prima fascia. Lo spezzino Migliore ha risposto a Scognamiglio nei primi minuti di gioco, poi i siciliani vincono grazie alle reti di Cidro, Coronado, Nadarevic e Montalto. A rischio la panchina di Bjelica, con la squadra che andrà in ritiro. Dopo la vittoria nell’anticipo di ieri del Bari sulla Salernitana, la giornata si concluderà domani con il primo posticipo tra Perugia e Virtus Lanciano, mentre lunedi toccherà a Crotone-Avellino chiudere il turno.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy