Serie B: nel caso Catania rischia anche il Bologna?

Serie B: nel caso Catania rischia anche il Bologna?

Dalle carte dell’inchiesta della Procura di Catania “treni del gol” che ha portato all’arresto dei vertici del Catania calcio, emergono particolari che coinvolgono non solo giocatori del club rossoazzurro ma che sembrano alimentare ipotesi sull’estensione dello stesso sistema corruttivo anche ad altre societa’.” –  A scriverlo è l’Agi in merito ai fatti che hanno visto il Catania e in cui potrebbe esser coinvolto anche il Bologna neopromosso in serie A – “In un’intercettazione si parla di Bologna-Catania del 27 aprile. Gli interlocutori sono Daniele Delli Carri, ex direttore sportivo del Catania calcio, e Piero Di Luzio un procuratore sportivo, tutti e due arrestati martedi’ e con un passato nel Pescara. Discutono del fatto che e’ difficile potere corrompere giocatori del Bologna, inavvicinabili forse anche per i prezzi piu’ elevati. Di Luzio suggerisce a Delli Cari di non “far partire il treno dell’una e quello delle 5“.

L’Agenzia di Stampa riferisce anche di intercettazioni: “Di Luzio questa volta parla di giocatori del Catania che potrebbero essere stati a loro volta corrotti. Dice Di Luzio: “il treno dell’una e il treno delle cinque non lo fare partire”, il riferimento sarebbe per gli inquirenti al portiere Gillet, numero uno rossazzurro e al difensore Raffaele Schiavi, numero cinque. Delli Carri chiede “per quando” e Di luzio replica per lunedi’ quando c’e’ in programma Bologna-Catania.
  Stupito Delli Carri s’interroga: davvero? E Di Luzio risponde: “Il treno nostro…”. Delli carri dice “ho capito, ho capito” e Di Luzio chiosa “pericolosissimo.. quello dell’una…
  pericolosissimo!” I due vecchi amici si conoscono da tanto e si capiscono a volo: “Stai sul pezzo raccomanda” Di Luzio, “Ho capito” replica Delli Carri. Di Luzio aggiunge ancora: “Detto direttamente da loro e hanno fatto un budget stratosferico..
  Gli si piegano le gambe..non lo fare partire..stagli sul pezzo”. Delli Carri conclude: “Va bene”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy