Stadio nuovi e giovani: accordo con il Credito Sportivo

Stadio nuovi e giovani: accordo con il Credito Sportivo

L’Istituto per il credito sportivo prosegue il suo impegno a fianco della Lega serie B per la crescita dei giovani e il rinnovamento degli impianti. E’ stato raggiunto infatti un accordo tra le parti per il rinnovo della partnership che sara’ ratificata lunedi’ prossimo: la collaborazione si concretizza nell’impegno dell’Istituto verso ‘B Futura’, la piattaforma infrastrutturale della Lega dedicata alla ristrutturazione e realizzazione di stadi e centri sportivi per i club associati, e di quello, per la terza stagione consecutiva, nei confronti di ‘B Italia’, la rappresentativa che ha l’ambizione di lanciare su scenari internazionali giovani promesse della serie B. “Essere accompagnati da un’istituzione che ha quale nobile obiettivo lo sviluppo del calcio in tutte le sue direzioni e’, oltre che un onore, una garanzia per la buona riuscita dei progetti – spiega il presidente della Lega Serie B, Andrea Abodi – Per questo non piu’ tardi di un mese fa ero intervenuto per chiedere lo sblocco dell’approvazione dello statuto che restituisse piena operativita’ all’Istituto stesso, un tema indispensabile per societa’, leghe e federazioni. Ringrazio Ics per essere al nostro fianco su questi due temi di grande prospettiva come il rinnovamento degli stadi e la valorizzazione dei giovani”. Soddisfazione anche per il Credito sportivo: “Crediamo fortemente in questi due progetti – dichiarano i commissari Marcello Clarich e Paolo D’Alessio – e confidiamo molto nell’impulso che queste due iniziative porteranno al movimento. Essere a fianco della Lega B e accompagnare i club nella realizzazione di nuovi stadi e impianti moderni che rispondano alle esigenze degli sportivi e dei tifosi con un ‘approccio di sistema’, e’ senza dubbio la chiave giusta per avviare un processo di sviluppo necessario a tutto il mondo dello sport”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy