Taccone apre al mercato, tra svincolati e strette di mano

Taccone apre al mercato, tra svincolati e strette di mano

Ospite della trasmissione Linea Verde Sport, Walter Taccone si è soffermato non solo sul difficile momento dei lupi, ma anche su quelli che potrebbero essere i possibili interventi sul mercato.
Il patron biancoverde ha ribadito l’esistenza di ottimi rapporti di partnership con alcuni club di Serie A ed ha aperto anche al mercato degli svincolati.
Infatti, se l’allenatore o i direttori dovessero ritenere qualche svincolato utile alla causa biancoverde, Taccone sarebbe disposto ad accontentarli.
In queste ore il nome che rimbalza è quello di Giandomenico Mesto. L’ex esterno di Reggina, Genoa e Napoli potrebbe proprio fare al caso dei biancoverdi. Il 33enne nativo di Monopoli, infatti, garantirebbe il giusto mix tra fase difensiva ed offensiva (cosa mancata, sinora, ai terzini biancoverdi…) e potrebbe essere utilizzato sia a destra che a sinistra, in una linea a quattro come in una linea a cinque.
Taccone, però, non ha pensato solo all’immediato, ma ha parlato anche di quelli che potrebbero essere i movimenti per il mercato di gennaio, in relazione agli ottimi rapporti stretti dalla società con alcuni club di Serie A. Su tutti, Napoli e Juventus: il patron, infatti, ha parlato ancora una volta di Jacopo Dezi, ai margini della rosa partenopea ed ha ribadito il gentleman agreement stipulato con Marotta in seguito al mancato pagamento, da parte dei bianconeri, di una percentuale dell’incasso per l’ottavo di finale di Tim Cup 2013-2014.
Taccone ha ammesso di aver chiesto in estate i prestiti di Schiavone e Pasquato (poi finiti al Livorno) e di non aver considerato gli altri elementi proposti.
Tuttavia, Taccone ritiene ancora valida la stretta di mano con Marotta, per cui a breve qualche giovane bianconero potrebbe vestirsi di biancoverde.
Occhio anche ai rapporti con l’Inter: Gnoukouri sembra essere stato promesso a De Vito…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy