Tavano è un leader: ha bisogno solo di palloni giocabili

Tavano è un leader: ha bisogno solo di palloni giocabili

Non è diventato brocco adesso. Gli manca il gol, è vero. Uno lo ha divorato anche col Vicenza. Ma Tavano è un leader. Non corriamo gli stessi errori del passato commessi con Togni prima e Soncin dopo. Non massacriamo i calciatori solo e giusto per il gusto di farlo. E non è nemmeno venuto a prendersi la pensione. Ad Empoli lo rimpiangono ancora. Ad Avellino è quasi diventato un caso. Ma quale caso. Tavano è il Re della B, quello che ha segnato di più, quello che ha vinto di più. Arriva ad Avellino e non sa più giocare? Smettiamola di mettere al patibolo un calciatore non appena  la mette dentro. La verità è che mancano i rifornimenti. Se ad un ariete come Tavano non gli servi la palla in profondità e non lo fai giocare come ha sempre giocato va in affanno. Ieri lo abbiamo visto nei primi 45 minuti andarsi a prendere il pallone a centrocampo. Perchè a centrocampo i mediani non c’erano. C’erano trequartisti adattati a mezzale, esterni adattati ad interni, centrocampisti di contenimento come Arini nel ruolo di regia. L’equivoco è lì, proprio in mezzo al campo. C’è un centrocampo che non imposta e non filtra. Giocatori fuori ruolo. Non prendiamocela con Tavano. I suoi gol arriveranno. E ci porteranno alla salvezza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy