All-In #AscoliAvellino: Castaldo e un gol che varrebbe doppio

All-In #AscoliAvellino: Castaldo e un gol che varrebbe doppio

Ad Ascoli per avvicinare sempre di più la salvezza matematica.

Ad Ascoli per avvicinare sempre di più la salvezza matematica. Il punto ottenuto nella sfida casalinga con il Cesena ha permesso all’Avellino di fare un altro passo verso il traguardo e di mantenere inalterata la distanza dalla zona playout, lontana ancora sei punti. Ma per chiudere definitivamente il discorso ed evitare di vivere un mese di maggio “caldo” agli uomini di Novellino manca ancora qualche punto. Quattro o cinque, verosimilmente. Meglio cominciare a raccoglierli subito, sin dalla trasferta del “Del Duca” di martedì. Una trasferta senza dubbio difficile, dal momento che la squadra di Aglietti avrà grande voglia di vincere visto che i punti di vantaggio sui playout sono appena due.

Un successo ad Ascoli permetterebbe dunque ai biancoverdi di mettere nei guai Cacia e compagni e di portare a sette i punti di vantaggio sulla compagine marchigiana. Praticamente una polizza assicurativa per la permanenza in B. Vista l’assenza per squalifica di Ardemagni, il peso dell’attacco biancoverde sarà tutto sulle spalle di Castaldo. Il numero dieci non ha certo disputato una grande gara contro il Cesena, ma Novellino lo ha comunque elogiato per il grande lavoro in termini di sacrificio. Dopo diversi mesi vissuti nell’ombra e dopo essersi liberato del peso della sentenza relativa al caso calcioscommesse Castaldo sta ritrovando minutaggio e convinzioni. Gli manca solo un gol vittoria. Un gol da tre punti. L’ultimo, guarda caso, è arrivato proprio al Del Duca nel finale di gara da cardiopalma della scorsa stagione.

L’Avellino vinse 4-3 e il gol decisivo lo realizzò proprio Castaldo (su rigore). Ripetersi varrebbe doppio. Anche perché al numero dieci biancoverde manca un solo centro per agganciare Biancolino al primo posto nella classifica dei marcatori della storia dell’Avellino. L’assenza di Ardemagni potrebbe sgravarlo dai compiti di ripiegamento e restituirlo al ruolo di prima punta. Gli spazi e le occasioni per colpire aumenterebbero. E di conseguenza le possibilità di brindare alla salvezza e all’ingresso nella storia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy