Avellino Calcio – Bianchi (Sassari): “Soddisfatti per il campionato, aspettiamo l’Avellino con molto entusiasmo”

Avellino Calcio – Bianchi (Sassari): “Soddisfatti per il campionato, aspettiamo l’Avellino con molto entusiasmo”

di Michelangelo Freda, @m_freda21

In vista del match di domenica pomeriggio contro il Sassari Latte Dolce, match fondamentale per la corsa al primo posto per l’Avellino Calcio, abbiamo intervistato Daniele Bianchi, centrocampista classe 1988, pedina inamovibile della formazione allenata da Stefano Udassi.

Nato e cresciuto a Sassari, da due anni indossi la maglia del Latte Dolce, conosci bene la piazza e le esigenze della tua squadra. Cosa ne pensi del vostro percorso fatto finora?

Siamo soddisfatti per il campionato che stiamo facendo, viviamo serenamente il match di domenica contro l’Avellino. Siamo contenti per la nostra posizione in campionato. E’ chiaro che è bello giocare contro una società che ha cavalcato altri palcoscenici, noi ci stiamo preparando per affrontare nella maniera più tranquilla possibile, consapevoli del nostro cammino fatto sinora.

Con l’Anagni è arrivata la sconfitta dopo una serie di risuolati positivi. Siete una squadra equilibrata sia in casa che fuori casa, un andamento omogeneo. I vostro segreto?

Abbiamo ottenuto molti pareggi fuori casa, come l’andata con Avellino che terminò 1-1. Siamo una squadra ben progettata, sicuramente giocare in casa col pubblico e conoscendo nel dettaglio le zolle del campo ci da qualche vantaggio in più. Noi andiamo a giocare in casa e trasferta sempre motivati, al di là di qualche persona più matura, siamo una squadra giovane sotto i 23 anni di media, quindi andiamo a giocare in maniera spensierata in casa che in trasferta. E’ normale che in casa rendiamo di più, conosciamo nel dettaglio il nostro stadio di casa. Noi sappiamo benissimo che può arrivare la sconfitta, ai fini della classifica può sembrare inaspettata, ma l’Anagni è una squadra ostica e lo abbiamo visto tutti.

Sei cresciuto calcisticamente in terra Sarda, se non per una breve parentesi del Rieti. Cosa ci puoi raccontare?

Una bellissima esperienza, una squadra forte  che meritava la vittoria del campionato, ma abbiamo avuto una rivale come l’Arzechena che ha ottenuto 44 punti su 51 disponibili. Un esperienza formativa che mi ha aiutato a crescere. Adesso sono contento di esser tornato casa, non è facile trovare squadre che programmano il proprio futuro ne lungo periodo, ti da certezze e sicurezza. Non è da tutti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy