AvelliNovellino cuore e grinta: battuto il Brescia in rimonta e primi tre punti della stagione

AvelliNovellino cuore e grinta: battuto il Brescia in rimonta e primi tre punti della stagione

Come il suo tecnico l’Avellino ci ha creduto e nel momento più difficile del match e porta a casa l’intera posta

 

Prima di campionato, prime scelte per la nuova stagione: Novellino scioglie l’unico dubbio sulla mediana a favore di capitan D’Angelo sulla sinistra. Lezzerini titolare, chiavi del gioco affidate a Moretti e Morosini alle spalle di Ardemagni con tutti gli altri meccanismi e posizioni rodate da tempo. Boscaglia si affida subito a Meccariello ma lascia in panca Gastaldello. Caracciolo boa in avanti per favorire gli inserimenti di Cortesi.

Intimorire l’avversario e premere subito sull’acceleratore: Avellino e Brescia mettono in campo dal primo minuto la stessa strategia e i l’inizio del match appare subito una battaglia per guadagnare la supremazia del campo. Primi dieci minuti a ritmi alti con il Brescia che prova a infilare in ripartenza un Avellino generoso che con i cross di Rizzato e Morosini crea panico nell’area di rigore degli avversari. Regna l’equilibrio che Moretti al ventiduesimo prova a rompere bucando la mediana e bresciana e imbeccando Morosini che viene anticipato al limite dell’area dall’uscita dai pali di Cagno. Un giro di lancette e Molina dalla destra entra in area in solitudine ma il suo tiro a giro è distante dal montante destro. L’azione più pericolosa del match però è di stampo biancoazzurro quando a un minuto dal trentesimo il triangolo Caracciolo- Machin finisce sui piedi di Cortesi che in area colpisce a botta sicura ma Lezzerini si supera con un grande intervento. Alla mezz’ora è il Brescia a premere ma la difesa biancoverde non lascia spiragli. Laverone ci prova a pescare in area Ardemagni ma l’attaccante biancoverde si avvita e colpisce di testa sena fortuna. Il Brescia al trentotesimo minuto arriva di nuovo in area e Coly da pochi metri trova un sempre pronto Lezzerini. La prima frazione di gioco è finita quando Caracciolo viene atterrato in area di rigore da Di Tacchio e realizza il vantaggio del Brescia. Gol e duplice fischio dell’arbitro, Avellino negli spogliatoi in svantaggio.

Novellino e l’Avellino rientrano in campo per recuperare subito e la mossa del tecnico di Montemarano si chiama Gigi Castaldo. L’attaccante entra al posto di Morosini per rinforzare l’attacco biancoverde ma dopo soli cinque minuti il Brescia va vicinissimo al raddoppio con un tiro di Coly da oltre trenta metri deviato da Lezzerini sul palo. L’Avellino reagisce e Laverone al nono della ripresa serve ad Ardemagni la palla del pareggio ma l’attaccante lombardo impatta di testa e spara su Gagno piazzato al centro della porta. I lupi hanno l’opportunità di azzerare lo svantaggio quando Rizzato lanciato in area di rigore viene atterrato da dietro. Rigore che Castaldo spreca malamente facendosi neutralizzare il tiro da Gagno, protagonista della prima parte della ripresa. Il Brescia al sessantaseiesimo minuto resta in dieci per il secondo giallo a Ndoj e l’Avellino ci crede: passano cinque minuti e Ardemagni la pareggia grazie ad un assist al bacio di Molina. L’Avellino prende il sopravvento e non si ferma, lavora ai fianchi il Brescia e ancora Molina a pescare Camarà in area che appoggia una palla sola da spingere in rete a Gigi Castaldo che non si fa pregare. Vantaggio biancoverde. Ci pensa Lezzerini a tempo scaduto a blindare il risultato con un intervento prodigioso su Tonali. Come il suo tecnico l’Avellino ci ha creduto e nel momento più difficile del match e porta a casa l’intera posta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy