Calcio Avellino, Giovanni Bucaro: “Siamo l’Avellino, gli avversari ci devono temere. Budoni squadra ostica e ben organizzata. Capitanio in dubbio”

Calcio Avellino, Giovanni Bucaro: “Siamo l’Avellino, gli avversari ci devono temere. Budoni squadra ostica e ben organizzata. Capitanio in dubbio”

Le parole del neo allenatore dei lupi che presenta la gara con il Budoni

di Marco Costanza, @MarcoCostanza5

L’Avellino domenica riparte da Budoni e da Giovanni Bucaro con l’obiettivo di riscattare immediatamente la brutta disfatta di Trastevere che ha causato il cambio di guida tecnica in casa biancoverde.

A parlare della gara che aspetta la sua squadra, a soli due giorni dalla sua presentazione, è stato mister Giovanni Bucaro che ha analizzato i temi del match e ha parlato dello stato dei giocatori.

Queste le sue parole: “Il Budoni è una squadra da non sottovalutare. E’ una squadra molto attrezzata da non prendere sotto gamba. E’ la prima trasferta in Sardegna, loro hanno tardi sardi in campo e i sardi sono gente tosta abituata a lottare e a non mollare di una virgola. Dobbiamo fare anche attenzione al vento visto che domenica porta vento forte lì e loro probabilmente sono più abituati. Stiamo allenandoci sulle palle inattive e sulla fase difensiva. Sulle palle inattive stiamo lavorando sulle palle inattive sia in difesa che in attacco e in queste categorie dove spesso le qualità tecniche vengono nascoste, le palle inattive possono essere una chiave per sbloccare le partite. In questa categoria molte volte la formazione anche in base agli under e quindi dobbiamo valutare qualcosa di diverso. Da Dalt è uno abituato a giocare al 4-4-2, ma anche nel 4-3-3. Ma ad di là del modulo a me servono giocatori forti, poi come giochiamo giochiamo dipende da altre cose. Io preferisco avere gente determinata e forte. In porta novità? C’è un portiere giovane che vedo bene e che potrebbe darci una mano. A me interessa l’atteggiamento mentale e dobbiamo essere aggressivi e non dobbiamo essere passivi. Noi siamo l’Avellino e tutti ci devono temere. Anche le grandi squadre in un campionato possono avere un momento di difficoltà ma la grande squadra deve essere brava a reagire e a superare questi momenti e a non lasciarci andare come successo nelle ultime gare. Capitanio ha la febbre alta e non sappiamo se sarà della trasferta. Zeman? Si mi ispiro a qualche sua idea, come l’aggressione, il pressing e la compattezza”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy