Calcio Avellino, Mario Dell’Anno: “Ora dimostriamo chi siamo”. Franco Iannuzzi: “Sotto con l’ultimo passo”

Calcio Avellino, Mario Dell’Anno: “Ora dimostriamo chi siamo”. Franco Iannuzzi: “Sotto con l’ultimo passo”

Le parole del presidente dell’Associazione per la Storia e di uno dei leader della Curva Sud Avellino in vista dello spareggio col Lanusei

di Redazione Sport Avellino

Per l’Avellino è il momento di stringere i denti e di affrontare questi ultimi 90, effettivi minuti di battaglia, contro il Lanusei, per tornare dove si deve tornare. Da ieri è cominciata la settimana più lunga del lupo e i suoi tifosi, che saranno un elemento fondamentale per la risalita del lupo, che vuole azzannare il Lanusei.

Per il Quotidiano del Sud hanno parlato due esponenti massimi della tifoseria avellinese, Mario Dell’Anno e Franco Iannuzzi. Il presidente dell’Associazione per la storia, è tornato sui gradoni a guidare la curva, cosa che non accadeva dallo spareggio di Pescara con il Gualdo del 1996. Un leader che nel  momento del bisogno ha suonato di nuovo la carica ai tifosi avellinesi e alla squadra.

Queste le sue parole, con un passaggio anche sul logo: “A me fa molto piacere dare una mano alla Curva Sud, diretta bene devo dire da giovani che nel corso degli anni hanno fatto molti sacrifici per portare alto il nome dell’Avellino in tutta Italia. Nel mio piccolo voglio dare un supporto di esperienza ed amore verso questi colori. Per me poi è stata un’emozione speciale risalire sulla balaustra dopo anni, non lo facevo dallo spareggio di Pescara contro il Gualdo. Proprio in concomitanza con un altro spareggio come quello di quest’anno. Corsi e ricorsi storici. Ora tutti a seguire il lupo nella gara decisiva. Entusiasmo? Chiaramente è figlio dei risultati. La squadra sta inanellando vittorie su vittorie ed ha conquistato il cuore di noi tifosi. Contiamo di essere allo spareggio in almeno 4000 unità. Ci tengo ad approfittare dell’occasione per chiamare ulteriormente a raccolta tutta la popolazione biancoverde. Sopratutto la Provincia, da sempre motore del tifo. Da tutti i paesi dell’Irpinia ci si deve mobilitare per una gara che può far tornare Avellino nei professionisti. Questa gente è stata delusa molte volte in questi anni. E’ stato calpestato l’amore dei tifosi verso questi colori. E proprio per questo dobbiamo dimostrare che nessuno ci può e ci deve più far male. Il logo? In estate ci richiameremo ufficialmente Us Avellino 1912, che rappresenta la storia di questi colori. L’operazione posta nel 2009 ci ha dato ragione questa estate, perchè per noi irpini rappresenta qualcosa di riconoscibile, ovvero una fede che va avanti di padre in figlio”. 

A parlare anche Franco Iannuzzi al Quotidiano del Sud, con la stessa carica e determinazione di Dell’Anno ha spronato tutta la Provincia a stare vicina all’Avellino e incitarla nell’ultima battaglia: “Sono ore febbrili, stiamo organizzando tutto nei minimi dettagli. Quando si saprà ufficialmente la sede, allora stringeremo i tempi. Circa una trentina i pullman che stiamo allestendo, senza contare macchine private e furgoncini privati. Sarà un vero e proprio esodo. Avellino come sempre non mancherà in queste occasioni. Non era assolutamente facile recuperare ben 10 punti, anche se ti chiami Avellino. Complimenti quindi alla squadra e al mister per non aver mai mollato. Ora è arrivato il nostro momento, quello dei tifosi, che in una occasione speciale come lo spareggio siamo chiamati a dare, tutti, qualcosa in più. Ora tocca fare l’ultimo passo, e tornare nel calcio che conta, quello professionistico Trasferta di Latina? Non abbiamo mai avuto paura, come nostro stile. Non ci ha intimorito nulla, nemmeno le bombe carta fatte esplodere dai pontini. Come sempre, però, abbiamo dimostrato freddezza e fair play. Non li abbiamo proprio pensati, concentrati come eravamo a cantare, tutti uniti, gridando in alto il nome dell’Avellino, perchè dovevamo e dobbiamo sostenere la squadra impegnata per la rimonta primo posto. Ora arriva il più bello”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy