Caos Serie C – No al Bari, la rivolta di 13 squadre che minacciano di bloccare il campionato

Caos Serie C – No al Bari, la rivolta di 13 squadre che minacciano di bloccare il campionato

Blocco di 13 squadre contro il Bari di De Laurentiis

di Michelangelo Freda, @m_freda21

Oramai giornalmente il calcio italiano ci riserva qualche sorpresa, nelle ultime ore in Serie C (girone C) sembra essersi costituito un vero e proprio fronte anti-Bari, costituito da 13 società con a guida il Catanzaro calcio che minacciano di ritirare la propria squadra dal campionato. Un documento inviato a Gabriele Gravina, presidente della Serie C e Fabbricini commissario straordinario della Figc, dove viene sottolineato la volontà di veder rispettate le regole, rigettando l’ipotesi di ammettere società che non hanno i requisiti previsti: “Ci auguriamo davvero che da parte della Federcalcio ci sia l’intenzione di operare ascoltando l’opinione di chi tiene in vita le società calcistiche della ‘terza seriè, vero motore di tutto il sistema. In caso contrario, saremo costretti ad agire di conseguenza con iniziative di protesta eclatanti, tra le quali anche il ritiro delle nostre squadre dal campionato”.

Una Serie C che potrebbe presentarsi gia a 59 squadre senza la necessita di effettuare i ripescaggi sulla falsa riga della Serie B, oramai sempre più propensa ad un campionato ridotto a 19 squadre.

Le sottoscriventi insieme al Catanzaro calcio sono: Viterbese Castrense, Rieti, Juve Stabia, Casertana, Monopoli, Potenza, Vibonese, Reggina, Trapani, Sicula Leonzio, Virtus Francavilla e Paganese.

Ecco il comunicato apparso sul sito del Catanzaro Calcio:

Tredici presidenti di altrettante squadre di Serie C, Girone C, hanno sottoscritto un documento inviato al presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina, al presidente del Coni Giovanni Malagò e al commissario della FIGC Roberto Fabbricini per chiedere che, nel pieno rispetto delle regole, non vengano incluse nel campionato di terza serie quelle compagini che non hanno i requisiti previsti.
“Ci auguriamo davvero – scrivono i presidenti – che da parte della Federcalcio ci sia l’intenzione di operare ascoltando l’opinione di chi tiene in vita le società calcistiche della “terza serie”, vero motore di tutto il sistema.
In caso contrario – concludono – saremo costretti ad agire di conseguenza con iniziative di protesta eclatanti, tra le quali anche il ritiro delle nostre squadre dal campionato”.
Ad aver firmato il documento, nel quale si precisa che alcuni presidenti non sono stati raggiunti perché fuori sede, le seguenti società: A.S. VITERBESE CASTRENSE Srl ; F.C. RIETI Srl; S.S. JUVE STABIA Srl; CASERTANA FOOTBALL CLUB Srl; s.S. MONOPOLI 1966 Srl; POTENZA CALCIO Srl; US CATANZARO 1929 Srl; US VIBONESE CALCIO Srl; URBS REGGINA 1914 Srl; TRAPANI CALCIO Srl; SICULA LEONZIO Srl ; VIRTUS FRANCAVILLA CALCIO Srl; PAGANESE CALCIO Srl.

Serie B – No ai ripescaggi: per ora campionato a 19 squadre

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy