Focus Latina: grossa delusione in terra pontina. Difesa e bomber millennial le note positive

Focus Latina: grossa delusione in terra pontina. Difesa e bomber millennial le note positive

di Filippo Abbondandolo, @filippoabb

Sfida tra deluse. Il girone d’andata dell’Avellino si chiuderà con l’impegno interno contro il Latina. Le due squadre più attese del girone si ritroveranno di fronte con classifiche ed ambizioni diverse da quelle pronosticate ad inizio stagione. Niente primato in palio, si va di rincorsa. Rievocando anche quelle sfide del recente passato che portano tanta nostalgia da entrambi i lati. Candidato ad una stagione da protagonista, il Latina può essere sicuramente considerato come la delusione più grande di questo girone d’andata. 25 i punti raccolti (7 vittorie, 4 pareggi, 7 sconfitte; 25 gol fatti, 14 gol subiti), decimo posto in classifica, un distacco importante da vetta e playoff ed una sensazione netta di una stagione ormai andata a rotoli. Con una rosa stravolta dal mercato invernale ed un cambio tecnico che non ha portato sostanziali cambiamenti nei risultati della squadra. Tra tanti dati negativi, emergono però anche 2 aspetti da non sottovalutare.

Il rendimento esterno (15 punti frutto di 4 vittorie, 3 pareggi, 2 sconfitte; 15 gol fatti, 7 gol subiti) migliore di quello interno ed una difesa solida (tra le migliori del raggruppamento) a cui è difficile fare gol (8 clean sheet stagionali). Alla guida dei pontini c’è da qualche settimana l’ex biancoverde (vice di Campilongo nella stagione 2008-2009) Raffaele Di Napoli (classe 1966), subentrato in corsa all’altro ex Avellino (esperienza da calciatore in Irpinia per lui) Carmine Parlato che ha raccolto soltanto amarezze in terra laziale senza riuscire a confermare per una volta il suo status di allenatore vincente in serie D (4 campionati vinti per lui). Di Napoli utilizza prevalentemente il 4-3-3 e con questo modulo dovrebbe presentarsi al cospetto dei lupi, in una sfida molto sentita al di là di momento e classifica. Nella rosa, come detto in precedenza molto rinnovata dal mercato, ci sono tanti calciatori di buon livello. In difesa spicca l’esperienza di Alessandro Ranellucci (classe 1983), tanta serie C ed un’esperienza in B con la Pro Vercelli alle spalle. Al centro della mediana dirige il traffico l’ex biancoverde (27 presenze in B nel 2008-2009) Raffaele De Martino (classe 1986), affiancato dalla verve di Andrea Cittadino (classe 1994, 4 gol all’attivo). Sul fronte offensivo, alla qualità del neoacquisto Manel Minicucci (classe 1995) si aggiunge il buon momento di Luigi Fontana (classe 2000, 4 gol all’attivo, 3 realizzati nelle ultime 4 giornate di campionato).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy