I nuovi lupi- Donkor, occasione da non fallire

I nuovi lupi- Donkor, occasione da non fallire

Arriva all’Avellino per riscattare l’ultima non esaltante stagione trascorsa in quel di Bari

Alla ricerca di sé stesso. Isaac Donkor arriva all’Avellino per riscattare l’ultima non esaltante stagione trascorsa in quel di Bari. Cresciuto nel settore giovanile dell’Inter, il colosso ghanese (181 cm × 70 kg) è sempre stato considerato il miglior prospetto tra i difensori dell’intera cantera nerazzurra. Mezzi fisici impressionanti e una duttilità tattica che lo rende adattabile a qualsiasi sistema di gioco. Piede destro, può giocare da terzino o da centrale. La sensazione è che il meglio di sé possa darlo proprio da centrale di destra in una difesa a 3, così come lo sta impostando Toscano. La sua caratteristica migliore è quella di sganciarsi in avanti in fase di non possesso, sfruttando così il suo eccellente atletismo oltre che la sua esplosività e velocità. Deve migliorare tuttavia il proprio senso della posizione e deve imparare ad essere concentrato nell’arco di tutti i novanta minuti. Proprio le sue distrazioni e la sua irruenza hanno contribuito a non farlo rendere al meglio nell’ultima stagione vissuta a Bari (20 presenze, 11 ammonizioni ed 1 espulsione). È vero però che tali imperfezioni sono dovute alla sua giovane età. Sul talento del ragazzo c’è da scommetterci. Quando c’era da scegliere il difensore adatto per gli schemi del mister, De Vito e lo stesso Toscano non hanno avuto dubbi: Donkor è perfetto per quest’Avellino. Il ragazzo si farà. Ma non deve fallire quest’occasione. Deve ritrovare sé stesso, diventando il difensore che tutti si aspettavano diventasse. L’Avellino crede in lui, l’Inter pure. A testimoniarlo è il fatto che Donkor sia giunto in Irpinia con la formula del prestito con diritto di riscatto e controriscatto a favore dei nerazzurri.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy