Nomi, luoghi e tempi della rifondazione dei baby-lupi ma la società non si tiri fuori da questo settore

Nomi, luoghi e tempi della rifondazione dei baby-lupi ma la società non si tiri fuori da questo settore

Inizierà il primo luglio il nuovo corso delle giovani leve biancoverdi alla guida di mister Cioffi

Ufficializzato il nuovo corso del settore giovanile irpino ora c’è da programmare il futuro in un ambiente che lo scorso anno ha dato il peggio. Come annunciato mister Renato Cioffi ricoprirà il ruolo di responsabile del settore giovanile dell’Avellino per la prossima stagione (leggi qui) ed è già al lavoro per pianificare questo inizio di stagione. Stagione che inizierà ufficialmente con quattro giorni di stage per trovare rinfoltire le categorie primavera, under 17, under 16 ed under 15. Nei primi cinque giorni di luglio ad esclusione di domenica 3, ci sarà infatti uno stage conoscitivo a San Martino Valle Caudina dove potranno partecipare tutti i ragazzi che vorrebbero far parte di questa avventura.

Un inizio che possa coinvolgere più atleti possibili e che poi entrerà in una seconda fase. Nei piani del nuovo responsabile infatti c’è la volontà di scrutare tutte le scuole calcio della provincia e cercare di coinvolgere ogni realtà a mettere in mostra i propri ragazzi. Un’opportunità unica per ogni giovane irpino con il sogno di diventare un giovane lupo.

Passando ai dati certi invece la squadra che aiutare mister Cioffi a realizzare tutto questo sarà composta da mister Vincenzo Scafa a cui sarà affidata l’Under 17.  Pasquale Iuliano e Marco Galluccio dovrebbero ricoprire il ruolo di tecnici dell’under 16 e under 15. Il campo che ospiterà le partite dei giovani irpini della primavera e dell’Under 17 sarà con tutta probabilità Pratola Serra mentre per le altre due categorie è ancora tutto da valutare.

Una rivoluzione per non far accadere quello successo lo scorso anno ma bisogna precisare che non sarà un responsabile o un altro a cambiare le cose. I vertici societari dovranno assistere giorno dopo giorno questa cellula “vitale” per una realtà come l’Avellino e vedere giocatori come Ventola, Dioum e Gioia in prima squadra. Questa è la vittoria di un settore giovanile, il resto non fa e non farà testo. Per far si che questo avvenga in ogni gara nessuno si “esoneri” da responsabilità in questa stagione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy