Novellino: “Applicazione da grandi. Il mio merito è solo aver inciso sulla mente dei calciatori”

Novellino: “Applicazione da grandi. Il mio merito è solo aver inciso sulla mente dei calciatori”

Il tecnico dei lupi aveva dato qualche indizio che l’Avellino ci avrebbe provato ma in pochi avrebbero scomesso sull’impresa di battere il Verona

Il tecnico dei lupi aveva dato qualche indizio che l’Avellino ci avrebbe provato ma in pochi avrebbero scomesso sull’impresa di battere il Verona. Walter Novellino spiega come è potuto succedere: “C’è stata applicazione e attenzione contro una squadra dal grande valore. In corsa abbiamo corretto delle cose e ci speravo in questa partita. Abbiamo avuto meno tempo per lavorarci rispetto alle altre partite e so bene che più andremo avanti e più i meccanismi verranno automatici. Loro sono una squadra che giocano molto bene da dietro e inizialmente ci hanno creato difficoltà ma una grande partita sotto l’aspetto dell’applicazione ha fatto pendere la bilancia dalla nostra parte. Bene la fase di recupero palla e difensiva. Djimsiti a mio avviso può giocare in categoria superiore e anche il recupero di Jidayi è stato molto importante per me. Moretti e Paghera molto bene. Romulo era un giocatore che poteva darci fastidio, stiamo parlando di un giocatore da Nazionale ma siamo riusciti a trovare le giuste misure nel corso del match e questo è molto importante”.

Novellino parla anche del segreto di questo Avellino: “Io ho l’unico merito di aver lavorato sulla loro testa, con giocatori che hanno qualità e che hanno voglia di migliorare partita dopo partita”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy