Taccone da i voti: “Alla squadra non più di sei, al mister sette e al presidente Taccone…”

Taccone da i voti: “Alla squadra non più di sei, al mister sette e al presidente Taccone…”

Il presidente: “Per il tecnico non c’è nulla di definitivo, saprete chi guiderà l’Avellino per la prossima stagione dopo il 3 giugno”

Il presidente Taccone scende in sala stampa e inizia la sua conferenza di fine stagione dando i voti: “Più di sei non posso dare alla squadra. Abbiamo raggiunto la salvezza in tempi giusti e questo è molto importante. La mia preoccupazione era quella di non avere la mentalità di salvarci se fossimo giunta all’ultima giornata per farlo. Bisognava fare i punti giusti nel minor tempo possibile e ci siamo riusciti. Abbiamo commesso qualche errore e questo ha compromesso una salvezza già raggiunta a dieci giornate dalla fine. Per questo posso dare un sette al mister e un cinque a Taccone, di stima”.

Poi il presidente si sofferma sugli obiettivi e sulla prossima stagione: “Io non ho detto che la squadra doveva fare i play-off. Era un mio sogno, con il mister avevamo come obiettivo di raggiungere la salvezza e poi provare a fare qualcosa in più. Io ho espresso un mio sogno. Alla squadra non posso dire nulla, ci sono state partite sbagliate, anche importanti, ma quando le partite non vanno bene non sbagliano mai solo i giocatori ma si sbaglia insieme. L’unica certezza è che faremo tesoro di alcuni errori commessi quest’anno e non ripeterli. Se qualcuno quest’anno ha interpretato male le parole dei vertici societari il prossimo anno saremo più chiari”.

Poi il presidente parla anche del futuro: “Mantenimento della categoria e valorizzazione dei giovani: partiremo con questi obiettivi. Faremo una rivoluzione del settore giovanile cercando di portare il maggior numero di promesse calcistiche su palcoscenici importanti. Nessuno ha mai pensato di allontanare Tesser prima del 30 giugno. Ora faremo due amichevoli, avremo un incontro martedi, dopodiche finiscono le amichevoli il primo di giugno e il 3 giugno saprete chi sarà il nuovo allenatore dell’Avellino. Non c’è niente di definitivo al momento e questa è la verità. Sulla rosa non posso esprimermi al momento perchè valuteremo con al nuova guida tecnica cosa fare. Un errore che non ripeteremo sarà quello di fare un contratto breve per il tecnico come accaduto per Tesser. Il prossimo legame tecnico sarà di tre anni. Sulle conferme dei giocatori credo ci saranno il portiere, i difensori centrali, i centrocampisti di lungo corso e Castaldo. Vogliono portarci via Mokulu ma faremo di tutto per tratternerlo”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy