Dalla paralisi all’esordio in serie A, Pisacane in lacrime in diretta

L’ex difensore dell’Avellino, ora al Cagliari, intervistato da Videolina, scoppia in lacrime in diretta: “La mia prima in serie A. Non ce la faccio”.

2 commenti

“Una mattina mi svegliai e non riuscivo più ad alzare le braccia. Ho avuto una malattia che attacca il sistema nervoso e per diversi mesi son rimasto paralizzato. Sono stato anche in coma. Con l’aiuto di Dio, però, sono riuscito a cavarmela e a realizzare il mio sogno”. Così Fabio Pisacane spiega la sua storia. La sua vita. La sua passione per il calcio. Tanta serie C, poi la B. Una lunga carriera con un sogno importante. La serie A. Raggiunta oggi, col Cagliari, contro la gara vinta contro l’Atalanta per 3-0. Nel 2012 il premio più ambito. La FIFA, per mano del presidente Joseph Blatter, gli conferisce la nomina di ambasciatore. Aveva rifiutato una combìne e denunciato tutto. Ora la favola per lui continua. In A, a Cagliari, dopo l’esordio, si gioca per una salvezza che vale più di una carriera.

E nella foto che segue il suo commento su Facebook. Ringrazia tutti. Pisacane è tornato. Più forte di prima.

14393311_10210394937293901_1195553549_o

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Rodolfo - 6 mesi fa

    Nessa vida devemos guardar cada pedra de problema e dificuldade, para que um dia, o castelo seja construído. Passou a ter um admirador. Te desejo muita força!

    Rodolfo Maciel

    São Luís/MA – Brasil

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mvenie_439 - 6 mesi fa

    Caro Pisacane, non ce l’hai fatta con l’aiuto di Dio. Ce l’hai fatta grazie ai medici che ti hanno curato. Dio ti avrebbe solo abbandonato, contrariamente ai medici.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy