Malagò: “Senza adeguate strutture sportive non può esserci la Buona Scuola”

Malagò: “Senza adeguate strutture sportive non può esserci la Buona Scuola”

Il Presidente del Coni è intervenuto ad Avellino nel corso del Convegno “Sport e Scuola, verso Le Olimpiadi 2024”

“Migliorare la cultura sportiva di questo Paese è il nostro grande scopo. Eventi come questi danno la spinta a provare a cambiare il territorio attraverso lo sport.” Con queste parole il Presidente del Coni Giovanni Malagò ha salutato la nutrita platea del Liceo  Statale Polivalente “ P. E. Imbriani  intervenendo nel corso del convegno “Sport e Scuola, verso Le Olimpiadi 2024” organizzato dal Coni Regionale rappresentato dal Senatore irpino Cosimo Sibilia. Una giornata fitta di impegni che lo vedrà far tappa prima a Salerno e successivamente a Napoli in un incontro col Governatore De Luca.

Il binomio scuola – sport, le strutture sportive e la candidatura di Roma come città ospitante le Olimpiadi 2014 i temi trattati dal massimo rappresentante dello sport italiano. Ricco il parterre presente nella struttura di via Pescatori: dal membro della Giunta Nazionale Nello Talento al Prefetto di Avellino Carlo Sessa, a Luisa Franzese Direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, al Provveditore Rosa Grano, al Delegato Provinciale Giuseppe Saviano, all’ex Campione Agostino Cardamone, al presidente e vicepresidente della Sidigas Avellino Sampietro e Malzoni fino ai rappresentanti delle varie sigle sindacali e delle varie federazioni sportive provinciali della Campania.

IMPEGNO DEL CONI – “Partiamo dal non essere ipocriti: le cose non vanno bene. – afferma Malagò – Negli ultimi due – tre anni si registrano dei miglioramenti nel binomio scuola – sport. Nei compiti e nello statuto del Coni la parola scuola non esiste. A chi mi dice che togliamo fondi alle federazioni per darli alle scuola, mi piace evidenziare che dove non arriva lo Stato, dobbiamo essere noi a provare a cambiare una cultura ed una concezione.”

PRIMI RISULTATI – “Siamo riusciti a migliorare di un punto percentuale la pratica sportiva attraverso dei dati che ci dicono anche lo Stato risparmia ogni anno ottanta milioni di euro. Ciò ne beneficia anche la nostra longevità: l’Italia è secondo nella speciale classifica dopo il Giappone.”

IMPORTANZA DELLA SCUOLA – “Non puoi mai avere la migliore “Buona Scuola” se non hai un sistema sportivo che ti supporta.”

PROBLEMA IMPIANTISTICA SPORTIVA – “Non voglio prendervi in giro. Il Governo ha destinato cento milioni di euro per gli impianti sportivi. Sono arrivate 1672 domande di richiesta. Ho incaricato i vari Prefetti, chiedendo la massima trasparenza nella scelta e realizzazione dei progetti. Sei interventi urgenti, invece, ne ho dato mandato io personalmente: da Scampia fino a Reggio Calabria che non ha una piscina comunale. Metto la faccia in prima persona per dare un segnale al territorio. Il Sud è al centro di questa legge regionale.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy