Futsal, esclusiva Piuenne – Montemurro: “Pronto ad incatenarmi”

Futsal, esclusiva Piuenne – Montemurro: “Pronto ad incatenarmi”

Il presidente della Divisione Calcio a 5 tuona in diretta durante la trasmissione Punto 5 condotta da Fabio Morra. “Ora basta, voglio l’autonomia sulle Nazionali di calcio a 5”

di Massimiliano Santosuosso, @MaxSantosuosso

L’uscita di scena nell’Europeo. Una umiliazione per il movimento. E Andrea Montemurro, presidente della Divisione Nazionale calcio a 5, tuona durante la trasmissione Punto 5, diretta da Fabio Morra, ed in onda ogni settimana sulla emittente regionale campana Piuenne. “Quello in atto è un colpo di stato politico sportivo. E’ una vergogna. Non c’è al momento nessuna libertà di espressione e movimento. Il Club Italia non ci dà nessuna possibilità di manovra. In qualità di presidente rivendico l’autonomia sulle scelte delle Nazionali di calcio a 5. E quando parlo di Nazionali intendo tutte, non solo quella maggiore. Qui nessuno mi ascolta. Ho scritto lettere, ho fatto comunicati, l’ho detto alla stampa. Ora basta. Volete che mi incateni davanti alla Figc? Lo farò. Se serve sono pronto anche a questo gesto plateale. Ricordo le tante promesse fatte da Tavecchio e mai mantenute, adesso c’è un nuovo commissario, speriamo in lui”. Torna anche sulla eliminazione della Nazionale Maggiore dall’Europeo. “E’ un grande fallimento.  Se il massimo che si può fare è essere eliminati al primo turno con Serbia e Slovenia, si può fare veramente poco”. E poi un clamoroso annuncio in diretta al conduttore Fabio Morra e ai telespettatori di Piuenne: “Ho convocato Fulvio Colini Sappiamo tutti che è sotto contratto col Pescara. Voglio capire da lui come si può cambiare questo sport. E dopo di lui mi confronterò anche con altri tecnici”. E su Menichelli. “Non si dimette. Me lo ha confermato anche in aeroporto. Uno che ti dice ci vediamo al prossimo raduno, non penso abbia la forza per rassegnare le dimissioni…”

L’intervista integrale

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy