Avellino Calcio – L’Aprilia trionfa. Al “Quinto Ricci” termina due a uno per i laziali

Avellino Calcio – L’Aprilia trionfa. Al “Quinto Ricci” termina due a uno per i laziali

Gli irpini cadono al “Quinto Ricci”. Termina due a uno per l’Aprilia.

di Michelangelo Freda, @m_freda21

RANCING APRILIA-AVELLINO 2-1

RACING APRILIA (4-3-1-2): Saglietti; Telloni, Rosania, Patti, Vitolo; Vasco (10′ st Titone), Mastromattei, La Penna (19′ st Rocchino); Olivera (38′ st Lillo); Corvia, Russo (41′ st Battisti). A disp.: Manasse, Bosi, Bencivenga, Carpentieri, Murasso. All.: Feola.

AVELLINO (4-3-1-2): Lagomarsini; Patrignani (29′ st Tompte), Morero, Mikhaylovskiy, Parisi (31′ st Carbonelli); Buono (1′ st Mentana), Matute, Acampora; Tribuzzi; Ciotola (21′ st Capitanio), De Vena. A disp.: Pizzella, Ventre, Nocerino, Dondoni, Cuomo. All.: Graziani.

ARBITRO: Galipò di Firenze.

Guardalinee: Spagnolo-Regattieri.

MARCATORI: 23′ pt Corvia, 46′ pt La Penna, 4′ st Ciotola.

AMMONITI: Tribuzzi (A), Mastromattei (RA), Vitolo (RA), Russo (RA)

L’Avellino cade in quel di Aprilia. Al “Quinto Ricci” gli uomini di Graziani perdono uno scontro diretto per le zone alte della classifica. Una prestazione scialba, condita dal solito atteggiamento superficiale, permette ai padroni di casa di conquistare tre punti pesanti. Al 23esimo, l’Aprilia passa in vantaggio. Ruben Oliveira, dalla destra, fa partire un destro che sorprende Lagomarsini e che si stampa sul palo. Sulla ribattuta, però, Daniele Corvia è il più lesto di tutti e, anticipando Patrignani, insacca in rete. Doccia fredda per gli uomini di Graziani, che subiscono lo svantaggio alla prima vera occasione degli avversari. L’Aprilia, dopo il gol, continua a provarci con un tiro dalla distanza di La Penna, che finisce alto sulla traversa, e con Vitolo, che chiama in causa Lagomarsini. Dieci minuti dopo, Ciotola ha l’occasione di ristabilire il punteggio. In posizione defilata ma appetibile, calcia di sinistro sfiorando il palo. L’Aprilia si salva. Ma sul finire del primo tempo, quando ormai la gara sembrava arrestarsi sull’uno a zero, arriva l’errore di Patrignani che sbaglia un passaggio in difesa, regalando palla agli avversari. Corvia ne approfitta e serve, in area di rigore, La Penna. Il classe ‘2000 finalizza nel migliore dei modi, raddoppiando. Aprilia due, Avellino zero. Si va negli spogliatoi. Nella ripresa, gli irpini iniziano nel migliore dei modi. Al quarto minuto, punizione di Tribuzzi dalla trequarti. In area di rigore laziale bucano tutti, ma non Nicola Ciotola. L’attaccante biancoverde stoppa e infila Saglietti. L’Avellino firma la rete dell’uno a due, ma dopo soltanto un minuto Mikhaylovskiy perde palla e, goffamente, commette fallo in area di rigore. Per l’arbitro è penalty. I lupi vedono sfumare lo sforzo appena realizzato di accorciare le distanze. Dagli undici metri ci va Daniele Corvia, che si fa incredibilmente ipnotizzare da Lagomarsini. Il portiere biancoverde para il calcio di rigore e tiene ancora in vita l’Avellino. Il resto della gara, però, vedrà gli irpini tentare inutilmente l’arrembaggio per ristabilire il match. Il punteggio resterà tale sino al triplice fischio finale. Ora, mister Graziani, rischia sul serio.

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy