Avellino Calcio – L’Atletico è troppo per l’Avellino: finisce 4 a 1 al “Paglialunga”

Pesante sconfitta dei biancoverdi contro l’Atletico. I laziali piegano, meritatamente, per quattro a uno gli uomini di Graziani

di Leo Pecorelli, @pecorelli_leo

SFF ATLETICO-AVELLINO 4-1

SFF ATLETICO (3-4-3): Macci; Donnarumma (42′ st Giustini), Campanella, Esposito (18′ pt Di Emma); Rizzi, Sevieri, Ortenzi (17′ st Papaserio), Pompei; Tortolano (38′ st Santarelli), Nanni, Tornatore (31′ st D’Andrea). A disp.: Galantini, Karas, Formilli, Cotani. All.: Scudieri.

AVELLINO (4-4-2): Lagomarsini; Nocerino (9′ st Mithra), Morero, Mikhaylovkiy (17′ st Ventre), Parisi; Tribuzzi, Gerbaudo, Acampora (7′ st Buono), Ciotola (6′ st De Vena); Mentana (1′ st Carbonelli), Sforzini. A disp.: Pizzella, Matute, Scarf, Dondoni. All.: Graziani.

ARBITRO: Giaccaglia di Jesi.

Guardalinee: Toce-De Cristofaro.

MARCATORI: 11′ pt Tortolano (AT, rig.), 19′ pt Tribuzzi (AV), 27′ pt Tortolano (AT, rig.), 4′ st Nanni (AT), 32′ st D’Andrea (AT)

Note: spettatori 400. Ammoniti: Gerbaudo (AV), Ortenzi (AT), Tornatore (AT), Sforzini (AV) per gioco violento; Lagomarsini (AV) per proteste.

L’Avellino cade in quel di Fregene, contro l’Atletico. Al “Paglialunga” termina quattro a uno in favore dei padroni di casa. E i lupi rimediamo la prima sconfitta in campionato. L’Atletico, sin dall’inizio, parte spedito. Al quinto minuto i padroni di casa, con Nanni, colpiscono il palo. L’Avellino risulta spaesato nella prima parte del match, e all’undicesimo arriva il vantaggio dei laziali. Fallo di mano, in area di rigore, da parte di Nocerino. L’arbitro indica il penalty. Dagli undici metri ci va Tortolano, che non sbaglia. Gara subito in salita per gli irpini, che tentano un’immediata reazione. Clamorosa la doppia occasione per i lupi: Tribuzzi trova la profondità sulla destra e calcia in porta, trovando la respinta del portiere. Sulla ribattuta, Sforzini non riesce a capitalizzare, facendosi ipotizzare da Macci. Poco dopo, però, Tribuzzi si fa perdonare e con un gran gol realizza il pareggio. Seconda rete consecutiva per l’esterno biancoverde, che ristabilisce – soltanto momentaneamente- il punteggio. Al 27esimo, infatti, l’Atletico torna ad affacciarsi nelle zone di Lagomarsini. Nocerino, in una giornata da dimenticare, si fa saltare in scioltezza. La palla viene messa in mezzo e Tortolano, servito, viene atterrato in area di rigore da Morero. Di nuovo calcio di rigore. Dal dischetto lo stesso Tortolano, che ancora una volta insacca alle spalle di Lagomarsini, spiazzato. Lupi di nuovo in svantaggio. La prima frazione di gioco termina con il medesimo punteggio, e la seconda inizia peggio. Al quarto minuto della ripresa Nanni anticipa Parisi, non impeccabile nella marcatura, e conclude nell’angolino. Lagomarsini è battuto. Atletico tre, Avellino uno. Ma non finisce qui. L’Avellino, totalmente a trazione anteriore, prova a rendersi pericoloso, concedendo peró molto ai padroni di casa. E, alla mezz’ora, arriva la quarta rete dei biancorossi. Il neo entrato D’Andrea ruba il tempo a Morero e, raccogliendo un cross dalla sinistra, incorna di testa alle spalle del portiere biancoverde. Avellino umiliato. Gli uomini di Graziani perdono la prima gara di campionato e tornano in Irpinia consapevoli di aver dato troppo poco, nella giornata odierna, a differenza di un avversario quadrato, aggressivo e concreto. La serie D, in fondo, è anche e sopratutto questo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy