Avellino Calcio – Travolta la Lupa Roma. I lupi vincono sei a uno

Avellino Calcio – Travolta la Lupa Roma. I lupi vincono sei a uno

L’Avellino vince ed esagera. Buona la prima per mister Bucaro. Annichilita, per sei a uno, la Lupa Roma.

di Leo Pecorelli, @pecorelli_leo

AVELLINO – LUPA ROMA 6-1

AVELLINO (4-4-2): Pizzella; Patrignani, Morero, Dondoni, Mithra; Tribuzzi, Gerbaudo, Matute (22′ st Di Paolantonio), Carbonelli (11′ st Da Dalt); Sforzini (33′ st Ciotola), De Vena (8′ st Mentana). A disp.: Lagomarsini, Nocerino, Buono, Capitanio, Saporito. All.: Bucaro.

LUPA ROMA (4-3-1-2): Gori; Perocchi, Romeo (11′ st Di Giovanni), Negro (34′ st Di Franco), Fe (34′ st Barba); Alonzi, Loggello, Cacciotti; Pompili; Scibilia (11′ st Ansini), Tocci (20′ st Rossetti). A disp.: Maltempi, Di Giovanni, Rebecchini, Ansini, Cusciana, Tommaselli. All.: Amelia.

ARBITRO: Zamagni di Cesena.

Guardalinee: Maldini-Abagnale.

MARCATORI: 7′ pt Sforzini, 10′ pt Tribuzzi, 17′ pt Alonzi, 35′ pt De Vena, 37′ pt De Vena, 6′ st De Vena, 32′ st Sforzini.

L’Avellino raggiunge il massimo risultato con il minimo sforzo. Al Partenio-Lombardi la gara termina sei a uno in favore dei lupi. Buona la prima, dunque, per mister Giovanni Bucaro. L’iniziale frazione di match risulta immediatamente a favore dei biancoverdi. Al sesto minuto, De Vena, imbeccato in area di rigore, colpisce il palo. Sulla ribattuta c’è Gerbaudo, che serve in mezzo Nando Sforzini, il quale raccoglie e di tacco infila Gori. Avellino in vantaggio; è solo l’inizio. Soltanto un minuto dopo De Vena ha l’occasione di concretizzare il raddoppio, ma il portiere avversario ipnotizza il suo tiro ravvicinato. Raddoppio, però, che arriverà soltanto due lancette d’orologio più tardi, con Tribuzzi. L’esterno biancoverde, con una spettacolare discesa sulla fascia di destra, s’infila in area di rigore e da posizione defilata gonfia la rete. Avellino due, Lupa Roma zero. Gli ospiti provano una reazione, che arriva e mette in difficoltà i padroni di casa. Al 16esimo punizione dalla trequarti per i giallorossi: se ne incarica Fe. La sua palla messa debolmente in mezzo trova l’indecisione dell’esordiente Pizzella, che non blocca e favorisce la ribattuta in porta di Alonzi, il più reattivo di tutti. La Lupa Roma dunque accorcia le distanze. La rete risveglia, anche se di poco, il match e gli uomini di Amelia incrementano le manovre offensive. Le speranze laziali, però, vengono vanificate da Alessandro De Vena in soli due minuti. Al 34esimo cross di Mithra, Gori esce a vuoto, e il numero dieci biancoverde ne approfitta: colpo di testa e gol. De Vena si ripete pochi istanti più tardi e su passaggio di Tribuzzi, in area di rigore, stoppa e conclude rasoterra nell’angolino. Ancora battuto Gori. Il primo tempo termina quattro a uno per gli irpini. La ripresa prosegue sulla falsa riga della prima frazione. Al quarto minuto Sforzini raccoglie un traversone di Patrignani e incorna di testa. Stavolta Gori si fa trovare pronto e mette in calcio d’angolo. Sugli sviluppi dello stesso corner, Matute dalla sinistra fa partire un cross che cerca e trova, ancora una volta, Alessandro De Vena. Quest’ultimo, con una magia, realizza il cinque a uno: sinistro al volo e palla nel sette. De Vena, con la tripletta odierna, corona una giornata straordinaria. Viene poi sostituito da Mentana, tra la standing ovation generale del pubblico. Fanno il loro ingresso in campo anche Da Dalt e Di Paoloantonio, all’esordio in biancoverde, sostituendo Carbonelli e Matute. Ma la giornata del gol non termina qui. A dieci minuti dalla fine Sforzini, dal limite dell’area di rigore, fa partire un destro che s’insacca nell’angolino. Doppietta per l’ariete degli irpini. Avellino sei, Lupa Roma uno. La gara termina con il medesimo punteggio e lascia ben sperare per il futuro. Ora, testa a Sassari: c’è la Torres.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy