Calcio Avellino – Graziani: “Vincere aiuta a vincere”, Musa: “Tante voci sul ripescaggio in C”

Calcio Avellino – Graziani: “Vincere aiuta a vincere”, Musa: “Tante voci sul ripescaggio in C”

Le parole di Musa e Graziani dopo l’amichevole vinta, per cinque a quattro, contro l’Equipe Latina.

di Leo Pecorelli, @pecorelli_leo

Dopo il test vinto per cinque a quattro contro l’Equipe Latina, il D.S. Musa e l’allenatore Archimede Graziani hanno fatto il punto della situazione biancoverde. Musa ha commentato la prima apparizione del nuovo Avellino non tralasciando il mercato, sempre più in ebollizione: “Oggi Nicola Ciotola ci ha raggiunto in ritiro, tra poco parleremo con lui. Cercheremo di raggiungere un accordo. Nel test di oggi si può dire che era importante soprattutto non farsi male, considerando le condizioni meteorologiche. Abbiamo visto molti giovani all’opera. Cose positive e negative, ma va bene. Domani riprendiamo il lavoro, in attesa di nuovi arrivi. Avellino in questo momento, essendo un cantiere aperto, non agevola le trattative. Bisogna essere chiari quando si parla con i calciatori, poiché in caso di serie C questi accordi sarebbero nulli, dovendo firmare accordi professionistici. Quindi, secondo me, il mio lavoro non è facile. Stiamo parlando anche con De Vena, è quasi fatta. Stiamo pensando ad allestire una squadra da serie D, perché attualmente siamo in questa categoria, nonostante chiamate e speranze che potrebbero portare ad un probabile ripescaggio. Comunque ogni acquisto passerà prima di tutto sotto il consenso del mister e del suo staff. Lavoriamo in condivisione.” Mentre il neo allenatore biancoverde, Archimede Graziani, non nasconde l’entusiasmo riguardo al primo test dell’Avellino: “Intanto iniziamo a vincere. Perché vincere aiuta a vincere. Indipendentemente dall’avversario. Sarebbe esagerato analizzare le cose negative. Da quando sono in ritiro, soltanto stamane abbiamo fatto quarantacinque minuti di tattica. Mi interessava capire soprattutto le caratteristiche e la duttilità dei calciatori. Mi è piaciuta l’applicazione da parte di tutti. Io ora ho le idee chiare su chi può rimare qui continuando a lavorare e chi deve lasciare il ritiro. E’ inutile continuare con calciatori che non sono all’altezza dell’Avellino. Ora bisogna iniziare a lavorare per bene. Riguardo a Ciotola, credo che possa dimostrarci perfettamente cosa vuol dire stare ad Avellino. Sarebbe un ottimo elemento per noi, ma mi fermo qui. Il resto è compito della società e del direttore sportivo. Mentre per il ripescaggio, aspetto l’annuncio almeno ufficioso. Ora continuo a lavorare per la serie D, ma non voglio demoralizzare. Sono reale. Se dovesse arrivare questa bella notizia, la società e il sottoscritto sanno già cosa fare e come disputare un campionato(professionistico) degno dell’Avellino.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy