#PRVAVE – Le pagelle del Piola

I voti di Domenico Abbondandolo

di Domenico Abbondandolo, @domenicoabb

if (utag_data.switchAdv2017 == false || typeof(utag_data.switchAdv2017) == "undefined") { jQuery("#rcsad_Bottom1").after(' '); } Centrocampo

La “legge del Piola” colpisce ancora. Per la quarta volta consecutiva i lupi conquistano un pareggio nella trasferta di Vercelli. Prova deludente degli uomini di Novellino, che creano poco e rischiano il ko. Ecco le pagelle dei biancoverdi.

La difesa

Lezzerini 6: è bravo al 21′ con un doppio intervento su Morra e Reginaldo (di piede). Nel secondo tempo salva in due tempi su una timida conclusione dalla distanza dello stesso attaccante brasiliano.

Kresic 5: rischia grosso alla mezz’ora quando spintona Morra in area rischiando il rigore. In fase calante, si becca un giallo ad inizio ripresa per un fallo a centrocampo su Germano.

Morero 5,5: in avvio di gara è disastroso e rischia più volte il fallo da rigore. Sul finire della prima frazione di gioco, però, si riscatta con un buon intervento in chiusura su Morra nell’area piccola biancoverde. (dall’81’ Pecorini s.v.: pochi minuti in campo per il terzino ex Inter).

Ngawa 5,5: il cambio di modulo lo dirotta sul centrosinistra. Rispetto ai compagni di reparto soffre qualcosina in meno, ma sono lontani i tempi in cui il difensore belga eccelleva.

Laverone 5: in settimana aveva parlato di attributi, ma il suo contributo alla causa è stato totalmente nullo. Non punge in fase offensiva, lascia troppo campo a Mammarella nella ripresa.

Gavazzi s.v.: costretto alla resa dopo appena un quarto d’ora di gioco. Probabile risentimento muscolare al flessore per lui. (dal 15′ De Risio 5,5: ha dei limiti tecnici, ma se non altro prova a dare una mano in fase di filtro piazzandosi davanti alla difesa).

Di Tacchio 5,5: schierato da play davanti alla difesa, fa fatica soprattutto nei primi 45′ quando la Pro attacca con aggressività. Da mezzala la sostanza non cambia. La sensazione è che sia più adatto ad un centrocampo a quattro.

Molina 5,5: il turno di squalifica sembra avergli restituito un minimo di verve. Nel primo tempo l’ex Atalanta è il più propositivo dei suoi con un bel cross per Ardemagni (25′) e un tiro alto sul gong. Nella seconda metà di gara cala vistosamente.

Falasco 5: rispolverato titolare, il terzino ex Roma commette qualche errore di troppo in fase di disimpegno e non riesce mai a rendersi pericoloso al cross. Insufficiente. (dal 60′ Cabezas 5,5: si sacrifica come quinto di sinistra a centrocampo con una buona diagonale difensiva su Mammarella).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy