Malati di gioco: ecco i nuovi orari per i centri scommesse, servirà?

Malati di gioco: ecco i nuovi orari per i centri scommesse, servirà?

Il Comune di Avellino ha approvato il regolamento sul gioco d’azzardo proposto dall’Assessore alle Attività Produttive. La diffusione di sale da gioco in Irpinia è aumentato del 32%, anche se in lento ridimensionamento questo dato.

di Michelangelo Freda, @m_freda21

Il Comune di Avellino ha approvato il regolamento sul gioco d’azzardo proposto dall’Assessore alle Attività Produttive. Un lavoro durato un anno, che sostanzialmente non cambia rispetto a quello discusso un anno fa se non per delle modifiche per quanto riguarda le pubblicità delle sale.

Il regolamento impone delle fasce orarie all’apertura delle sale: dalle 9 alle 12 e 15-22, esclusa la domenica che non prevederebbe limiti d’orario, inoltre le nuove sale non potranno esser aperte ad una distanza inferiore ai 300 metri dai luoghi sensibili come scuole, uffici, luoghi sacri, quelle attualmente aperte avranno un lasso di tempo non superiore ai 3 anni per spostare la propria attività commerciale, da sottolineare la decisione di non voler distinguere le sale slot dalle sola scommesse.

Un regolamento approvato senza aver mai avuto dei dati precisi riguardo il fenomeno della Ludopatia ad Avellino, un regolamento dimenticato ed approvato un anno dopo in una corsa sfrenata. Avellino si conferma l’unico comune a non aver fornito il regolamento da dati precisi, quindi da sottolineare è stato approvato un regolamento (cura) senza conoscere il fenomeno sul territorio avellinese (malattia).

L’esecutivo della Camera dei Deputati avverte che il 2,2% dell’intera popolazione è da considerarsi come soggetti particolarmente vulnerabili al gioco d’azzardo.

La diffusione di sale da gioco in Irpinia è aumentato del 32%, anche se in lento ridimensionamento questo dato.

Ma ci viene da ridere se si pensa che cosi si possa porre un limite ad un problema Nazionale, sicuramente sarà un deterrente, magari è una questione di “decoro urbano” ma nessuno si domanda se realmente servirà a frenare il problema della ludopatia dato che ai conti online non esiste nessun limite di orario per i giocatori d’azzardo.

Qui potrete leggere i dati sulla Ludopatia in Irpinia, grazie al nostro interesse mostrato un anno fa sulla vicenda.

Irpinia malata di scommesse: la nuova casta del gioco d’azzardo

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy