Palermo Calcio – La Cassazione considera Mepal – Alyssa operazione non fittizia

di Redazione Sport Avellino

La sentenza della Cassazione, arrivata nella tarda giornata di ieri, apre una possibilità di salvezza per il Palermo Calcio. Ieri sono state rese note le motivazione del provvedimento con il quale la Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso della Procura di Caltanissetta. Le motivazioni espresse dall’organo di giustizia riguardano anche l’operazione Mepal – Alyssa, al centro del pronunciamento da parte della Procura Federale che è costata la retrocessione del club in Serie C.

La Cassazione ritiene che sia stato “congruamente evidenziato come non vi siano elementi obiettivi per ritenere che l’operazione sia fittizia, essendo stata articolata sul pagamento effettivo di una prima tranche di 4 milioni di euro del debito, e sull’assunzione di una personale garanzia fideiussoria di Maurizio Zamparini che lo esponeva realmente alle pretese dei creditori della US Palermo”. Per la Cassazione non sussistono elementi per considerare fittizio il credito di 40.000.000. Tutto ciò potrebbe rappresentare un’importante ancora di salvezza per il club rosanero per evitare la Serie C.

Adesso bisogna aspettare la giornata di giovedì per comprendere se il Tribunale Federale prenderà in considerazione quanto affermato dalla Cassazione, in quanto, bene ribadirlo, la vicenda Mepal – Alyssa è stata al centro dell’accusa mossa dal procuratore Pecoraro.

In caso di riammissione sarebbe ben comprendere come si muoverà il Direttivo della Lega di Serie B.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy