Avellino Basket, Sacripanti: “Un film già visto, Venezia ci ha puniti quando è venuta meno la nostra intensità”

Il tecnico biancoverde sul ko al Taliercio: “Occorre maggiore resistenza anche nei secondi venti minuti del match”

di Davide Baselice, @davidebaselice

Il film è quello visto domenica scorsa al PaladelMauro contro l’EA7 Milano. Giocare bene i primi due quarti salvo poi tirare il fiato nella ripresa. Venezia lo ha capito ed ha portato a casa il posticipo di Pasqua contro una Scandone crollata definitivamente nel quarto periodo: “La partita di oggi è stata un film già visto, che ha richiamato purtroppo la scorsa partita di campionato contro Milano: abbiamo giocato i primi due quarti nettamente meglio degli avversari, con una valutazione di 40 a 21 per noi, facendo una buona difesa, tranne due disattenzioni su contropiede, e andando andati all’intervallo sul +4, mostrando compattezza sia nei pick and roll che negli uno contro uno.”  Questo il pensiero di coach Stefano Sacripanti che sintetizza in questi termini la partita giocata dalla sua squadra ed aggiunge: “Anche questa volta, però, siamo calati nel terzo e nel quarto periodo: abbiamo avuto meno energia e meno atletismo, meno durezza e meno fisicità; loro hanno una rotazione lunghissima, con tanti giocatori di grande livello. Era quindi normale che, essendo venuta meno la nostra intensità, una squadra come Venezia ci punisse. Dovremo essere più bravi a capitalizzare quanto di buono si fa nei primi due quarti e a resistere con più solidità negli ultimi due. Questa sera abbiamo giocato senza Filloy, che è stato male venerdì e sabato, e che durante la gara di oggi si è fatto male la caviglia”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy