Basket – La Sidigas Avellino detta legge a Varese: cade l’imbattibilità della Openjobmetis

Basket – La Sidigas Avellino detta legge a Varese: cade l’imbattibilità della Openjobmetis

Cole e Nichols guidano i biancoverdi al blitz in Lombardia: terzo successo consecutivo per i lupi

di Davide Baselice, @davidebaselice

E’ la Sidigas Avellino la prima squadra in questa stagione a sbancare l’Enerxenia Arena vincendo per 79-83. Tredici triple realizzate dai biancoverdi regalano il secondo exploit in campionato nel segno di Norris Cole (25) e Demetris Nichols (18) che tengono in corsa la propria squadra in alta classifica al termine di una sfida intensissima per quaranta minuti.

QUI IL TABELLINO DEL MATCH

I padroni di casa dimostrano di avere la mano calda dalla linea dei tre punti: Dominique Archie, Alex Avramovic ed il rientrante Ronald Moore (fermo in settimana per un problema muscolare nel match di Fiba Europe Cup) gonfiano la retina avversaria sbagliando solo un tentativo dalla distanza. Sulla sponda opposta viene rispettato il piano partita che la stessa Varese aveva messo in preventivo ovvero la capacità di saper correre il campo da parte della Sidigas che carbura col trascorrere dei minuti. Gli uomini di Vucinic si dividono le responsabilità in attacco iscrivendo a referto tutti i componenti dello starting five. In transizione Avellino prende in mano il controllo della partita con la regia di Norris Cole che propizia il parziale di 8-0 con cui Caja è costretto a chiamare timeout sull’11-16 ospite in cui viene fuori la classe di Ariel Filloy (sette punti in otto minuti di primo quarto). Arriva anche l’atteso esordio per Luca Campani che si distingue per una stoppata a copertura del suo ferro ma nulla può sul tiro dell’ex Thomas Scrubb che vale la momentanea parità (19-19).

La pattuglia italiana tiene in partita una Scandone che avrà solo quattro punti dal trio Sykes- Nichols – Green in una seconda frazione che si distinguerà per il fatturato prodotto da capitan Lollo D’Ercole e dal pretoriano Stefano Spizzichini che tengono botta alle sortite biancorosse innescate da due inattesi attori: l’irpino Antonio Iannuzzi ed un eccellente Nicola Natali che consegnano all’Openjobmetis l’inerzia della sfida. Non è d’accordo Cole che dà inizio al suo show offensivo aumentando la sua pericolosità giocando più da guardia: il bottino all’intervallo parlerà di diciannove punti pari alla sua media realizzativa in regular season. L’exploit del nativo di Daythona maschera le falle di una Sidigas che riesce a corre meno il campo e difende male con la zona sui ripetuti strappi dei lombardi (43-42 al 20’).

Batte un colpo Demetris Nichols dopo un primo tempo a dir poco anonimo. Undici punti con due del prodotto di Syracuse University tengono in corsa una Avellino che a mò di pugile riesce a ribattere colpo su colpo ai tentativi di metterla ko ad opera una Openjobmetis che riesce a mettere la museruola a Cole e trovare addirittura il massimo vantaggio col tiro libero di Iannuzzi (61-54).  I lupi confermano la loro imprevedibilità quando D’Ercole e il già citato Nichols centrano il bersaglio dai 6,75 metri in meno di sessanta secondi che riaprono un confronto indirizzato sui binari dell’equilibrio.

La stessa parità non accenna a far emergere nessuna delle due contendenti perché se Moore regala cinque lunghezze di vantaggio, Ndiaye ribalta il tutto col + 2 avellinese dopo che nella contesa entra Sykes con una bomba e l’assist per il senegalese. Varese spreca la scossa che viene da Avramovic ed Archie perché Cole è una volpe in transizione andando a depositare il 77-80. Dalla lunetta con Green la Scandone ipoteca la vittoria dando continuità al successo di due settimane fa a Brescia.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy