TurisTifosi dentro o fuori sotto la neve tedesca: si va a Bonn!

TurisTifosi dentro o fuori sotto la neve tedesca: si va a Bonn!

Un match da dentro o fuori per gli uomini di Sacripanti che proveranno in ogni modo ad evitare la retrocessione nella Fiba Europe Cup

di Redazione Sport Avellino

di Massimiliano Zappella

Ultima decisiva partita del girone D della Champions League per la Sidigas Avellino, costretta a vincere sul non semplice campo della Telekom Basket Bonn e sperare nell’aiuto di un risultato favorevole in Repubblica Ceca, a Nymburk, dove i padroni di casa devono battere i polacchi dello Zielona Gora. Un match da dentro o fuori per gli uomini di Sacripanti che proveranno in ogni modo ad evitare la retrocessione nella Fiba Europe Cup, come già sfortunatamente accaduto a Sassari e Venezia. I biancoverdi sono partiti lunedì per la Germania, direttamente da Torino, e hanno avuto modo in questi due giorni di testare i ferri della Telekom Dome, l’arena da 13000 posti che ospita le partite casalinghe dei tedeschi, distante circa 15 km dal centro cittadino.

Stamani gli irpini si sono risvegliati con una sorpresa: la neve che si è abbattuta sulla città della Westfalia in nottata e che l’ha ricoperta di bianco.

foto 2

Bonn, dal punto di vista logistico, è ottimamente collegata in quanto servita sia dal proprio aeroporto Colonia-Bonn, sia per la sua vicinanza ad uno dei più grandi aeroporti tedeschi, ovvero quello di Dusseldorf.

Sotto l’aspetto storico, in pochi sanno che Bonn è stata la capitale della Germania Ovest dal 1949 fino al 1990, fino alla caduta del Muro e la riunificazione delle due Germanie che decretarono Berlino quale nuova capitale. Tuttavia, Bonn rimase ancora sede del governo federale fino al 1998 e per tale ragione è l’unica città tedesca che può fregiarsi del titolo di Bundesstadt (capitale federale).

Il vero cuore pulsante della città è la piazza del Munster dove si trovano la cattedrale cittadina, la fontana di San Martino e le celebri gallerie commerciali Kaufhof.

foto3

I luoghi d’interesse culturale e turistico sicuramente non mancano, infatti, a Bonn vi è la casa natale di Beethoven, il palazzo di Poppelsdorf ed i suoi meravigliosi giardini e la sede di una delle più importanti università tedesche: la Friedrich-Wilhelms.

foto 4

Questa università è molto particolare perché è collocata all’interno del Kurfürstliches Schloss, ex castello dei principi elettori di Colonia. Molto suggestiva è anche la passeggiata lungo le rive del Reno, dove è possibile anche noleggiare delle piccole imbarcazioni per navigarlo.

A poca distanza da Bonn è assolutamente da non perdere la più grande e conosciuta Colonia, se non altro, almeno per ammirare il suo splendido Duomo, che sul finire del XIX secolo ha detenuto il Guinness World Record quale costruzione più alta al mondo, con i suoi 157 metri, e ancora oggi è la terza chiesa più alta nel mondo.

foto 5

Un’ultima curiosità per i più golosi, tra Bonn e Colonia vi è la sede delle mitiche caramelle Haribo: un buon auspicio affinché la trasferta divenga dolce come un orsetto Haribo anche per i tifosi biancoverdi, speranzosi di tornare in Irpinia con la qualificazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy