Virtus Bologna, coach Sacripanti: “Avellino è parte di me. La Sidigas ha un talento offensivo come non si vedeva da anni”

Virtus Bologna, coach Sacripanti: “Avellino è parte di me. La Sidigas ha un talento offensivo come non si vedeva da anni”

Le parole di coach Sacripanti che presenta la gara contro la Sidigas Avellino

di Marco Costanza, @MarcoCostanza5

Quella di domenica, tra la Sidigas Avellino e la Virtus Bologna, già sarebbe stata una gara di cartello del massimo campionato italiano di basket, ma a renderla ancora più affascinante sarà ovviamente la presenza di coach Pino Sacripanti sulla panchina delle V Nere. 

In conferenza stampa pre-gara, il coach ex Scandone racconta le sue emozioni per il ritorno al PalaDelMauro, nel rivedere tanti collaboratori da poco lasciati e nel ritrovarsi da avversario il pubblico irpino che gli ha dato tanto in questi 3 anni.

Queste le sue parole: “Ad Avellino sono stati 3 anni fantastici, un’esperienza unica, ormai è parte di me quella città e lo sarà per sempre. Credo di aver saputo rispettare la maglia ed essermi integrato nel modo giusto con la gente irpina. Sono cose che ricorderò per sempre, come le persone con cui ho lavorato ed avrò il piacere di rivedere. Ovvio poi entra in gioco il professionismo e quindi per 40 minuti tutte queste emozioni dovrà cercare di tenerle da parte. Noi siamo motivati, siamo partiti bene con una vittoria di misura a Trieste e abbiamo lottato contro l’Armani Milano perdendo solo nel finale. In Champions abbiamo due vittorie, insomma tutto uguale ad Avellino e domenica sarà una gara equilibrata sotto tutti i punti di vista, anche se si affrontano due compagini differenti. Troveremo un grande entusiasmo ne sono certo, loro tornano al PalaDelMauro dopo maggio. E in un certo senso mette i brividi pensare che sia io dall’altra parte ad affrontarli, nella loro prima in casa, come se fosse un passaggio di consegne. La Sidigas è una squadra di primo livello, è con noi subito dietro Milano e Venezia e credo abbia costruito una compagine a misura del proprio nuovo coach. Hanno un talento offensivo come non si vedeva da anni in Serie A. Anche noi abbiamo molto talento e sono certo che i tifosi non si annoieranno domenica. Le emozioni ci saranno ma da professionista per quelle due ore, dovrò pensare a vincere per la mia squadra su un campo caldissimo e stupendo”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy