Basket – Varese, parla Siim Sander Vene: “Che bello sfidare la Sidigas al rientro”

Basket – Varese, parla Siim Sander Vene: “Che bello sfidare la Sidigas al rientro”

L’ala estone di Varese, rientrerà proprio contro la Sidigas dopo 2 mesi di stop per infortunio

di Marco Costanza, @MarcoCostanza5

La gara contro la Sidigas di domenica vedrà il rientro in campo dopo due mesi di un importante cestista di Varese, l’estone Siim Sander Vene. L’ala, ferma da circa due mesi per un infortunio, sarà nuovamente a disposizione di coach Caja.

Intervistato da VareseSport.com, Vene ha parlato delle sue sensazioni per il rientro sul parquet e anche della sfida contro Avellino di domenica. Queste le sue parole: “Settimana dopo settimana sto ritrovando la condizione, mi sento in costante miglioramento. Poi la pausa di 3 settimane tra Final Eight e Nazionali ha giovato per il mio rientro. Non credo di essere già al 100% della conzione ma sono pronto per tornare. Coach Caja è uno molto esigente, ha un sistema di gioco ben definito e per cui ci vuole tempo per capire esattamente quello di cui ha bisogno la squadra. Adesso, però, sento di essermi perfettamente integrato”. 

Poi Vene parla di campionato e della prossima avversaria di Varese, la Sidigas Avellino: “La Sidigas è una grande squadra, ha un roster molto lungo e può lottare fino alla fine per vincere un trofeo. Fesenko? Sappiamo tutti che Fesenko non è solo uno dei migliori giocatori del campionato, ma è probabilmente anche il più forte fisicamente. Però non sarà in campo per tutti e 40 i minuti. Con lui in campo per noi sarà un pò più difficile ma noi dobbiamo comunque pensare a noi stessi e non variare la nostra tipologia di gioco. Tornare per me proprio contro un avversario simile è molto eccitante, perchè mi permette subito di testare le mie condizioni reali dopo l’infortunio. Siamo ammazza grandi? Spero che questo fattore possa aiutarci e possa darci una buona spinta per una partita comunque difficile. Sul piano mentale, effettivamente, potrebbe permetterci di avere buone sensazioni fin dalla palla a due”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy