Avellino-Bari, il doppio ex Lucio Mujesan: “Il Partenio campo ostico, ma il Bari ha qualcosa in più dei lupi”

Avellino-Bari, il doppio ex Lucio Mujesan: “Il Partenio campo ostico, ma il Bari ha qualcosa in più dei lupi”

Parla l’ex attaccante di Avellino e Bari degli anni ’60

di Redazione Sport Avellino

Eroi di un calcio di tanti anni fa, che probabilmente non ricordano nemmeno i nostri genitori o nonni. Eroi di un’epoca passata. Uno di questi, Lucio Mujesan, attaccante nato in Istria. Ha militato nell’Avellino in Serie C dal 1964 al 1966, collezionando 61 presenze con 32 gol. Poi passò al Bari, dove salì in Serie B e sfiorò la Serie A.

Intervistato da Radio Manbassa, emittente barese, Mujesan ha parlato della doppia sfida da ex di domenica, quella tra Avellino e Bari. I suoi ricordi sono legati ad entrambe le piazze, ma è rimasto più attaccato a quella barese.

Queste le sue parole: “Ho tanti bei ricordi, sia con la piazza irpina ma soprattutto con quella del Bari, visto che ci abbiamo vinto un campionato di Serie C e abbiamo sfiorato la serie A. “Il ‘Partenio’ è sempre un campo difficile dove giocare. All’epoca non esisteva, la leggenda è nata dopo, ma in casa l’Avellino aveva già un buon tifo. Giocare ad Avellino è difficile ma credo che questo Bari abbia qualcosa in più e possa espugnare il Partenio. Sto seguendo i galletti, Grosso sta facendo un lavoro eccezionale. Bari merita grandi palcoscenici che mancano ormai da troppi anni”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy