Avellino Calcio – Dopo 9 anni si chiude il cerchio, Sforzini comincia la risalita

Avellino Calcio – Dopo 9 anni si chiude il cerchio, Sforzini comincia la risalita

L’ariete biancoverde vuol vincere la sfida: la risalita, sua e della squadra, è già cominciata

di Domenico Abbondandolo, @domenicoabb

Era il 4 aprile del 2009 e Sforzini giocava la sua ultima partita con la maglia dell’Avellino, prima che un brutto infortunio al menisco lo costringesse anzitempo a chiudere la sua stagione. Era il 4 aprile del 2009 quando Sforzini segnava al Partenio il gol del definitivo 3-0 contro l’Ancona alimentando così le timide speranze salvezza dei lupi, poi svanite in seguito al suo forfait e sfociate nel fallimento. Ieri, al termine di un viaggio lungo nove anni, l’attaccante romano ha chiuso il cerchio ritrovando la via della rete con il biancoverde addosso. Ci ha messo appena 132′ per farlo e per dimostrare di essere ancora un giocatore vero, pronto a dire la sua nel percorso di rinascita della squadra di Graziani. La doppietta di ieri è servita soprattutto a questo: a mettere da parte i dubbi relativi alla sua condizione fisica e a dimostrare che anche in una categoria come la D, dove ci sarà da correre e da soffrire, Sforzini può dire la sua. Lo aveva promesso sin dal giorno del suo arrivo, Nando: “Sono qui per farmi perdonare e Avellino mi dà gli stimoli che cercavo”. Ora che ha (ri)cominciato a segnare, visto che il gol mancava dal 2 ottobre 2016, Sforzini è pronto a non fermarsi più. Per rinsaldare la sua posizione nella classifica all-time dei cannonieri biancoverdi per media gol, dove già occupa un posto di assoluto rilievo grazie ai suoi 9 centri in 15 apparizioni, e per condurre l’Avellino fuori dall’inferno. Sforzini vuol vincere la sfida: la risalita, sua e della squadra, è già cominciata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy