Avellino calcio – Graziani: “È un girone insidioso. Si lavora insieme per il bene di Avellino”

Avellino calcio – Graziani: “È un girone insidioso. Si lavora insieme per il bene di Avellino”

Le parole di mister Graziani al termine della partita amichevole col San Tommaso.

di Leo Pecorelli, @pecorelli_leo

È un Graziani vulcanico e diretto quello visto al termine del test contro il San Tommaso. Il neo allenatore biancoverde ha iniziato parlando del girone in cui è capitato l’Avellino: “Non bisogna sottovalutare il girone. È pieno di insidie e per nulla semplice. Ci sono squadre che da anni cercando di salire in serie C. Chi conosce le squadre laziali, sa che sono ben attrezzate. Non bisogna considerarlo un girone facile, è pieno di trappole. C’è il Latina, probabilmente la più attrezzata di tutte. Il Monterosi ha fatto una buona campagna acquisti. L’Albalonga e l’Atletico sono due ottime compagini. E poi non bisogna scordarsi delle sorprese che ci saranno durante il campionato. Conosco il girone e forse va anche bene così. Ma conoscendolo, posso dire che le insidie non sono poche.”

Riguardo all’operato visto in campo, invece, Graziani prosegue: “Innanzitutto sono contento dell’operato societario e dell’accoglienza trovata a Sturno. Abbiamo lavorato bene. Sono soddisfatto dell’atteggiamento della squadra e mi sta piacendo molto lo spirito di sacrificio di questi ragazzi. Ci tengono a rimanere ad Avellino.”

Non manca poi la polemica sulla questione Evangelista e sulle varie voci circolate in questi giorni: “Il ds Musa sta svolgendo un ottimo lavoro. Ho sentito tante cose in questi giorni. Ma se nella vita si dicesse la verità, sarebbe meglio per tutti. Non serve parlare attraverso i social, le cose devono dirmele in faccia. Ognuno può dire quello che pensa, ma non sui social. Chi pensa di potermi mettere i piedi in testa si sbaglia di grosso. Nessuno può permettersi di farlo. Non c’è un capo, nessuno deve comandare l’altro. Si lavora insieme con un unico fine: il bene per l’Avellino.”

E infine Graziani termina parlando dei ultimi tasselli a sua disposizione: “I due elementi nuovi sono profili che Musa ha cercato con cura. Con Patrignani insisteva da una settimana. Era giusto lavorare in silenzio, poiché non è facile scovare persone del genere il trenta agosto.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy