Money Gate – Avellino prosciolto, caso chiuso. Un incubo che vede la fine

Caso chiuso e proscioglimento dell’Avellino calcio da ogni capo d’accusa. La fine dell’incubo adesso apre le porte all’ingresso della Italpol di Gravina.

di Michelangelo Freda, @m_freda21

È arrivata la decisione finale del Tribunale Federale Nazionale, la quale vede respingere il ricorso presentato dalla Procura Federale.

Come si evinceva oggi durante il processo, le accuse presentate dal Procuratore Tornatore mostravano enormi lacune, che non chiarivano al meglio come fossero volti i fatti, incassando una pesante colpo. La procura aveva effettuato effettivamente una ricostruzione distorta, da dove deduceva i fatti senza aver prove evidenti della presunta combina del match del 5 maggio 2013, sottolineato il tutto dalla mancanza di contatti fra le due società in oltre due anni di intercettazioni a carico dell’ex presidente del Catanzaro, Cosentino.

Finalmente si chiude questo capitolo che ha visto coinvolta la società biancoverde per quasi un anno, vicenda che sicuramente ha causato molti mal di pancia all’interno della società irpina in questi mesi di gestione. Adesso c’è solo da star tranquilli, in quanto il Tribunale Federale Nazionale ha prosciolto l’Avellino calcio da ogni capo d’accusa, stessa sorte per Walter Taccone ed Enzo De Vito. Si attende la chiusura con la trattativa con l’Italpol di Gravina, che vedeva in questa vicenda uno dei punti cardini per il si definitivo. La fine di un incubo spalanca un futuro nuovo per l’Avellino.

http://www.figc.it/Assets/contentresources_2/ContenutoGenerico/35.$plit/C_2_ContenutoGenerico_2541805_StrilloComunicatoUfficiale_lstAllegati_0_upfAllegato.pdf

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy