Top 11 41° giornata Serie B: le vendette degli ex e i soliti goleador

Top 11 41° giornata Serie B: le vendette degli ex e i soliti goleador

Il top team della quarantunesima giornata

di Filippo Abbondandolo, @filippoabb

41° giornata in Serie B

20 gol realizzati (1162 totali)

5 vittorie interne (185)

3 pareggi (156)

3 vittorie esterne (110)

5 rigori assegnati (111)

3 rigori realizzati (80)

2 espulsioni (92)

Ecco il top team di giornata: 4-2-3-1 affidato ad Andrea Mandorlini, tecnico della Cremonese.

Fulignati (Cesena): si fa rimpiangere dai suoi ex tifosi con un paio di interventi decisivi. Castori ringrazia e aspetta la tranquilla Cremonese per brindare alla salvezza.

Moscati (Novara): sfrutta l’assist di Seck e punisce il suo Perugia. Di Carlo porta a casa e adesso si gioca tutto nello spareggio con l’Entella.

Volta (Perugia): sfrutta una deviazione per il gol del momentaneo vantaggio. Il punto blinda i playoff ma non Breda:a Perugia parte l’era Nesta.

Calabresi (Foggia): si piazza sul centrosinistra e non concede nulla agli avversari. Stroppa saluta i playoff ma regala un’ultima gioia allo Zaccheria.

Gagliolo (Parma): sbuca sul secondo palo e fredda Micai sul cross di Dezi. D’Aversa respinge l’assalto del Bari e tiene accesa ancora una piccola fiammella per la A diretta.

Chubsah (Frosinone): è uno, sembrano due. Ringhia dappertutto e regala a Dionisi il pallone decisivo. Longo in volo: senza suicidi con il Foggia è Serie A!

Vives (Pro Vercelli): segna su rigore, guida i compagni con tanta qualità. Il tutto non basta: la Pro torna in C portandosi con sé anche la Ternana.

Clemenza (Ascoli): disegna l’assist per Bianchi, sfiora il gol in più occasioni. Cosmi si gode la vendetta dell’ex e si giocherà la salvezza con il Brescia.

Castaldo (Avellino): colpisce anche lo Spezia e tiene accese le speranze dei suoi. Destino nelle proprie mani: con la vittoria a Terni i lupi si salvano. C

Croce (Cremonese): non segna ma dispensa calcio di qualità con due assist e una prestazione da leader. Tutto lo Zini ai suoi piedi.

Caputo (Empoli): la fame da gol non conosce pause. Lui e Donnarumna puniscono anche il Brescia ed abbattono un altro record. Insaziabili.

All. Mandorlini (Cremonese): rompe il lungo digiuno di vittorie e festeggia la salvezza tra la sua gente. Missione compiuta: ora si guarda al futuro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy