Top 11 Serie B: ecco i migliori della stagione

Top 11 Serie B: ecco i migliori della stagione

Il migliore 11 della stagione 2017/18 del campionato di Serie B

di Filippo Abbondandolo, @filippoabb

Ecco la Top 11 stagionale di Serie B, 4-3-3 affidato al tecnico dell’Empoli Aurelio Andreazzoli.

Audero (Venezia): sul suo conto c’erano tante attese, lui ha confermato tutto il buono che c’è. Sciorinando grandi prestazioni e chiudendo l’annata con 13 clean sheet. Qualcuno lo vede già secondo alla Juventus, probabile però che il suo percorso prosegua in qualche club di A di medio livello.

Gagliolo (Parma): il jolly della miglior difesa della cadetteria. Ha giocato ovunque, rispondendo sempre al meglio. Non pago, spesso e volentieri si è trasformato anche in goleador (6 reti all’attivo). Di nuovo in Serie A dopo l’esperienza vissuta con il Carpi, sarà uno dei cardini da cui ripartire.

Struna (Palermo): ha assorbito velocemente la metamorfosi da esterno a centrale difensivo, imponendosi come leader assoluto della linea a 3 di mister Tedino. Prestazioni sempre in crescendo, peccato che un infortunio lo abbia frenato nel finale. Stellone in ansia, spera di recuperarlo per la fase finale dei playoff.

Varnier (Cittadella): da sorpresa a certezza, il passo è stato veramente breve. Sicuro e determinato, ha giocato una grande stagione, impreziosita anche da 2 gol e 2 assist. Senza Scaglia nei playoff avrà ancora più responsabilità. È pronto, così come è pronto a diventare uomo mercato nella prossima sessione.

Pasqual (Empoli): ha cancellato la delusione della retrocessione guidando da capitano la rinascita dei toscani. Leader vero, ha fatto sentire il suo peso dentro e fuori dal campo. Con numeri (4 gol, 13 assist) che raccontano bene di quanto abbia inciso anche lui sulle fortune stagionali della squadra.

Falzerano (Venezia): da ala che era a mezzala di spessore e sicuro affidamento. Protagonista dal principio, è stato l’uomo più continuo nella meravigliosa stagione dei ragazzi di Inzaghi. I numeri pesano (4 gol, 10 assist) ma non dicono tutto sul grande campionato dell’ex giocatore dell’Avellino.

Brugman (Pescara): la squadra è stata in affanno fino alla fine del torneo, non certo per colpa del suo capitano. Sia con Zeman che con Pillon l’ex Palermo è stato il punto di riferimento per i suoi compagni. 7 gol, 4 assist, prestazioni sempre al di sopra della media. Meritava di giocare per obiettivi più importanti.

Kragl (Foggia); il crack del mercato invernale. Il suo arrivo in Puglia ha cambiato la stagione rossonera, con Stroppa che è passato dalla zona salvezza al sogno playoff. Il suo sinistro ha inciso in maniera determinante (6 gol, 4 assist). Un lusso per la B, potrebbe avere una nuova chance in A. Stavolta da protagonista.

Montalto (Ternana): ok, le Fere sono retrocesse. Ma cosa si può chiedere di più ad un calciatore che è passato dall’essere fuori rosa in C a segnare 20 gol in B? Il poker alla Pro Vercelli e la doppietta nel derby con il Perugia i picchi della sua stagione. Quella del grande rilancio che, probabilmente, gli permetterà di restare ancora in cadetteria.

Caputo (Empoli): il suo trasferimento aveva creato tante polemiche, ma alla fine lui ha vinto la sua scommessa. Con Donnarumma ha messo a ferro e fuoco le difese cadette, riscrivendo la storia della categoria. Finalmente capocannoniere (27 gol, 6 assist) può coronare il sogno di giocare nella massima serie. Fidatevi, sarà protagonista anche lì.

Di Carmine (Perugia): l’anno scorso era stato determinante (17 gol), quest’anno lo è stato ancor di più (22 gol, 4 assist)’ Attaccante moderno, è stato bravissimo a convivere con Cerri, formando un tandem di primo livello. Ora i playoff, poi il mercato. In Umbria o altrove il prossimo passo per lui è rappresentato dalla Serie A.

All. Andreazzoli (Empoli): arrivato in corsa, ha trasformato una buona squadra in una macchina perfetto. Che ha annichilito tutti gli avversari ed ha aggiornato i record della categoria. Ha chiuso da imbattuto spazzando via tutti i dubbi generati al suo arrivo. Ora merita di giocarsi le sue carte in A da protagonista dopo il breve ma intenso spezzone vissuto qualche anno fa alla guida della Roma.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy