“Il futuro del futsal a Solofra è in serio pericolo: necessitiamo di una struttura ma le istituzioni non ci ascoltano”

“Il futuro del futsal a Solofra è in serio pericolo: necessitiamo di una struttura ma le istituzioni non ci ascoltano”

Francesco Barone presidente dell’Agostino Lettieri lancia un grido d’allarme su una problematica come quella dei campi di gioco per il calcio a 5 che rischia di far scomparire una disciplina con tanto seguito nel comune irpino

Qualche giorno fa vi avevamo parlato della storia dell’Agostino Lettieri Five Soccer Solofra che ha festeggiato sabato 22 aprile il ritorno in  C2 di calcio a 5 vincendo il campionato di serie D grazie ad un cammino da autentica protagonista. Purtroppo la società cara al presidente Francesco Barone ha dovuto disputare la ultima e decisiva partita per la promozione lontano dalla città conciaria – nella fattispecie ad Atripalda – a causa dell’assenza di una struttura di gioco per questa disciplina. Una situazione che tuttora lascia l’amore in bocca nel mondo del futsal solofrano per la necessità di dover emigrare altrove col solo piacere di voler giocare uno sport che gode di un particolare seguito.

“Siamo davvero rammaricati per esser dovuti andare ad Atripalda a giocare l’ultimo match della stagione. Volevamo condividere coi nostri concittadini questo trionfo ma non è stato possibile a causa dell’indisponibilità della struttura di Sant’Andrea Apostolo” è lo sfogo di Barone. Il campo, sito nella frazione di Solofra, necessita di alcuni lavori di messa in sicurezza tali da garantire l’agibilità e la possibilità di giocare gare federali: “Servirebbe davvero poco in termini di lavori da far svolgere per ritornare a giocare lì ma siamo stati abbandonati dalle istituzioni locali che non hanno manifestato alcuna forma di interesse verso questa problematica. Non sappiamo nemmeno a chi rivolgerci a Palazzo di Città. E’ una vergogna dover andare a giocare fuori quando avremmo il piacere di voler utilizzare  una struttura come il palazzetto dello sport.”

Lo stesso minirettangolo di gioco da qualche tempo è al centro di uno scaricabarile tra l’ente comunale e la parrocchia del posto in merito alla responsabilità di gestione della stessa struttura. A poche gare dalla chiusura della regular season, l’Agostino Lettieri ha dovuto giocare le gare casalinghe su altri campi, in particolare Atripalda e Cesinali. Uno scenario che potrebbe ripetersi anche l’anno prossimo: “Abbiamo in mente delle idee per la prossima stagione che coinvolgono il nostro settore giovanile ma senza la possibilità di giocare a Solofra non sappiamo se riusciremo a realizzare questo nostro progetto.”

Un grido d’allarme che il mondodel futsal solofrano spera arrivi all’attenzione della classe politica cittadina impegnata tra qualche settimana nella campagna elettorale. Ed intanto il prossimo impegno di Coppa Campania contro l’Unina Napoli (valido come quarti di finale) vedrà ancora lo stesso problema con l’Asal costretto ad emigrare da Solofra per giocare questo appuntamento.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy