BASKETNEWSSERIE A BASKET

Basket – “Lo Spread” della palla a spicchi: chi sale e chi scende dopo 3 giornate

Mentre Moody’s taglia il rating dell’Italia mantenendo tuttavia l’outlook stabile alla ricerca di qualche informazione più o meno credibile per valutare una Legge di Bilancio dal chiaro sapore di Prima Repubblica, il campionato di pallacanestro comincia già a fornire indicazioni più nette rispetto alla solidità delle sedici contendenti al titolo e più di qualche occhio dei management della penisola si sta dirigendo già verso il mercato, Eldorado moderno nel quale cercare rapide risoluzioni di criticità chiare e carsiche insoddisfazioni.

Capitombolo inaspettato , soprattutto nelle proporzioni, della Cremona del Meone nazionale che in un PalaRadi composto ma infastidito cede il passo ad una Cantù che gioca una gara di rara consistenza, prende la testa dai primi minuti e, complice l’arrendevolezza casalinga, porta a casa due punti di platino su un campo ostico. ottima prova corale dei canturini, ma menzione speciale per capitan Udanoh, totemico in difesa, e per il Frank Gaines 3.0, lontano parente del fumoso giocatore visto a Caserta , oggi metronomo affidabile di un roster talentuoso ma incostante. Bella affermazione casalinga di Varese contro Trento. Se Caja fosse un titolo quotato, sarebbe a nostro avviso il tanto citato Bund tedesco cui ancorare le valutazioni di tutti gli altri asset. Cè poco da fare, passano gli anni, ma l’Artiglio pavese ogni anno modella il roster varesotto a sua immagine. Pochi fronzoli, efficienza difensiva, equilibrio in attacco con sei uomini in doppia cifra. e superata in tranquillità una Trento che stenta a trovare una nuova veste tecnica senza l’atletismo di Sutton e la versatilità di Silins. Importante affermazione esterna di Sassari sul sempre pericoloso parquet brindisino.

Gli uomini di Esposito giocano una gara di buona applicazione, scelgono di subire le sfuriate di Clark ma controllano i tabelloni grazie al duo Cooley- Polonara e ottengono canestri importanti dagli esterni Bamforth e Pettway. Giudizio hold per il titolo sassarese, ma lo scenario sembra tendenzialmente positivo per gli isolani. Corsara Torino, sempre orfana di coach Brown, in quel di Reggio Emilia dove il nuovo corso Cagnardi fa fatica a decollare , complice una difesa ballerina e cervellotica che lascia Cervi negli ultimi minuti a otto metri dal ferro in cambi quantomeno spericolati. Non bastano i venti punti di un cattedratico Butterfield ad avere la meglio contro una Fiat che manda 5 uomini in doppia cifra ma rischia di perdere nel giro di un mese il forte Wilson, il cui escape ampio e le cui prestazioni ottime stanno facendo girare più di una testa in direzione della Mole. Partita ad alto punteggio al Del Mauro dove la Virtus Bologna dell’ex Sacripanti gioca un’ultima frazione offensiva di spessore e supera una Sidigas forse un pò troppo sicura di vincerla con uno sforzo difensivo non commisurato al talento dei giocatori felsinei. Serve a poco l’ennesima prova offensiva di Cole senza un’adeguata metà campo difensiva. per la Virtus il solito ottimo Punter ed un frizzante Taylor sono gli alfieri di una vittoria esterna importante ottenuta dal team caro al lungimirante ds Martelli. Titolo hold per la Virtus con prospettive di crescita visto il potenziale offensivo e la capacità di Kravic di giocare gli spazi interni con la sagacia di pivot di caratura europea. Lasciamo volutamente in fondo i due no contest di giornata. Troppa differenza di struttura fisica, sintassi tecnica, qualità e profondità dei roster tra Milano e Venezia da un lato e Pesaro e Pistoia dall’altro. Una sgambatura utile più che altro a ruotare tutti gli effettivi e rimettere in campo gradualmente giocatori reduci da infortuni come Watt per un De raffaele sempre più in versione Popovich. Stesso discorso per Pianigiani per cui la pratica Pistoia è stata una occasione valida a provare nuove chiamate offensive che verranno buone in Europa. Titolo “hold ” per entrambe , e outlook stabile. Alla prossima, e buon basket a tutti!

Nino Sanfilippo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button