Viene fuori il Martone che tutti conoscono: ora completi l’opera

Viene fuori il Martone che tutti conoscono: ora completi l’opera

Izzo resta a guardare: per il presidente non è proprio un bel biglietto da visita

di Redazione Sport Avellino

Di Somma out. Si è dimesso. Il prossimo? Capuano. Quasi sicuramente, lasciato solo in mezzo al guado, il tecnico che con tanta fatica e lavoro ha riportato l’Avellino nei play-off, subirà coi giorni tant’è di quelle pressioni psicologicamente che lascerà il campo e farà il gioco di Martone. Che ha già in canna i suoi fidati sostituti. Doveva essere un Natale di pace ed invece eccola la guerra. Senza tregua. Sarà un fine anno all’insegna della confusione creata ad arte da in direttore generale scelto è voluto dalla società che arriva ad Avellino per distruggere e non per costruire. Per Izzo, irpino doc, sarà difficile fornire spiegazioni. I suoi buoni propositi in conferenza stampa sono stati smentiti dai fatti. Martone ha appena messo le mani su una squadra risorta. Si attendono ora le prossime mosse. Dall’allenatore al diesse che sarà solo di facciata. “Non farò il prestanome di nessuno”: le parole di Di Somma riecheggiano come macigni sulla testa di Izzo e Circelli. Arrivano gli yes man. Si, proprio così. Da capire ora quale sarà la reazione di Capuano. Legato si alla piazza ma da un legame indissolubile con Di Somma. Riuscirà a tenere alta la concentrazione e la tensione dal comportamento di un Martone che aspetterà il primo passo falso per epurarlo? O si dimetterà in anticipo per onore e dignità come ha fatto Di Somma.

La società per ora resta a guardare. Ma il comportamento del diggì deve essere per forza condiviso. E allora, se chi tace acconsente, siamo già a metà dell’opera.  Si attende l’è pur azione di Capuano adesso. Per dare continuità al frastuono creato da Martone.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy